Cinecittà World alza il sipario

Il primo parco tematico sul mondo del cinema apre i battenti. A Castel Romano, dal 24 luglio: "Lo sviluppo dell'Italia passa anche dall'entertainment", dice Luigi Abete
10 Luglio 2014
Cinecittà World alza il sipario

“L’autostrada per lo sviluppo di questo paese si costruisce su due carreggiate: da una parte favorendo l’internazionalizzazione del Made in Italy, dall’altra insistendo sulla valorizzazione dell’ambiente, della storia, della cultura e dell’arte italiana. Per farlo, abbiamo creduto non si potesse prescindere dall’entertainment. La nostra iniziativa è rivolta ad ampliare un’offerta per andare incontro all’esigenza delle persone di organizzare al meglio il loro tempo libero”. Parola di Luigi Abete, Presidente e Amministratore Delegato di IEG Italian Entertainment Group SpA e AD di Cinecittà Entertainment SpA, che questa mattina ha presentato alla stampa Cinecittà World, il parco a tema di cui è azionista principale insieme ad Andrea e Diego Della Valle, Aurelio De Laurentiis e la famiglia Haggiag. Il parco divertimenti, che aprirà al pubblico il 24 luglio alle ore 10.00, è parte di un progetto che occuperà complessivamente 150 ettari e che si articola in varie fasi con un investimento complessivo (completamente privato) di 500 milioni di euro e la creazione di 2500 posti di lavoro una volta completate tutte le fasi del progetto. “Il progetto nasce nel 2003, abbiamo censito più di 25 siti e poi abbiamo scelto Castel Romano, dove un tempo esistevano gli studios di Dino De Laurentiis. Questo accadeva nel 2005, poi ci sono voluti altri 5 anni per togliere un vincolo normativo che impediva l’inizio dei lavori. Il permesso per costruire è arrivato nel 2012: di fatto in soli due anni il parco è diventato realtà”, spiega ancora Abete, che non sembra preoccupato da quello che in molti hanno considerato un serio limite per il vero successo di Cinecittà World, ovvero la Pontina. “Qui all’epoca era previsto il miglioramento della situazione stradale – osserva Abete – e siamo sereni della nostra scelta perché prima o poi si deciderà se diventerà un’autostrada o una strada veloce a tre corsie. Il famoso Outlet adiacente al parco ospita mediamente 4 milioni di visitatori l’anno, e non mi sembra che la strada abbia mai rappresentato un problema. Noi contiamo di raggiungere il milione e mezzo di visitatori entro il primo anno, quindi non credo si creeranno chissà quali disagi”.
Primo parco tematico in Italia dedicato al mondo del cinema, Cinecittà World è stato disegnato dal tre volte Premio Oscar Dante Ferretti e ospita la colonna sonora del maestro Ennio Morricone nell’area western: “Sono tornato indietro con la memoria e ho ripensato a tutti i film che ho fatto, cercando di mettere frammenti di alcune scene create a Cinecittà e non solo. Per l’ingresso mi sono ispirato a Cabiria di Pastrone. La cosa importante è che quando arrivano qui le famiglie si sentano protagonisti di tante scene vissute in precedenza solamente come spettatori”, dice Ferretti.
Una ventina di attrazioni, 8 set cinematografici, 4 teatri di posa che ospiteranno spettacoli tra cui lo show permanente Enigma firmato da Filmaster Events, 4 ristoranti tematizzati e diverse aree food: Cinecittà World, che resterà aperto 260 giorni l’anno, si colloca come uno dei parchi con la stagione d’apertura più lunga d’Europa. L’ingresso costerà 29€, (23€ per i bambini fino a 10 anni e per gli over 65, 95€ il pacchetto 2 adulti + 2 bambini) e, secondo Abete, “già dopo il primo anno sarà possibile recuperare gran parte dell’investimento iniziale”. 8 i set all’aperto: lo spettacolare portale d’ingresso di Cinecittà World, come detto, è un omaggio al primo grande kolossal girato in Italia, Cabiria, realizzato nel 1914. Oltrepassato l’ingresso, ci si ritrova su Cinecittà Street, la strada principale del parco, ispirata alla New York degli anni ’20. Sulla destra si raggiunge “Sognolabio”, l’area completamente dedicata ai bambini, ispirata al genere fantasy. Poi un imponente sommergibile introduce il visitatore sul set “Aquila IV”, teatro di numerose battaglie per terra, aria e mare. Proseguendo si giunge al cospetto di un enorme elefante: è il set per l’attrazione “Erawan”, location ispirata agli adventure anni ’50. Sulla schiena dell’elefante si erge la Drop Tower, che raggiunge 60 metri d’altezza dai quali i visitatori simuleranno una caduta libera. Più avanti si arriva al villaggio western “Ennio’s Creek”, con ristoranti saloon, pistoleri e sceriffi con cui i visitatori potranno dar vita a veri e propri duelli. Da quelle parti si trova anche “Altair”, altra attrazione adrenalinica che omaggia la fantascienza: dalla bocca di una gigantesca astronave parte un tracciato che consente ai visitatori di effettuare ben 4 giri della morte: la rampa del treno raggiunge i 35 metri di altezza e una velocità massima di 100 km/h. Infine, l’altra attrazione del parco è “Aktium”, grande omaggio al peplum dove si trova il Water Ride: la corsa ha inizio nella stazione, tematizzata da Dante Ferretti con un grande edificio romano del I secolo. Raggiungendo i 22 metri di altezza, l’attrazione attraverso due lift di salita porterà i visitatori ad immergersi in uno scenario tra onde e suggestivi “camel back”.
“Non è stato facile trasformare la visione di Abete in realtà, abbiamo cercato di essere all’altezza delle sue aspettative e di quelle del pubblico – dice Emmanuel Gout, Presidente Cinecittà Parchi SpA -. Abbiamo visto tanti parchi a tema nel mondo, strada facendo siamo riusciti a mettere insieme l’eccellenza italiana. Dante Ferretti ci ha fatto capire di dover percorrere la strada dell’eccellenza: per farlo abbiamo curato i minimi dettagli, con attrazioni di livello internazionale, che possano coinvolgere i visitatori non solo da un punto di vista ‘meccanico’. La gente si accorgerà che venendo qui non si ritroverà su set di film specifici, ma su set immaginari e attraverso l’immaginazione ognuno sentirà di essere parte di qualsiasi film desidera. Sarà il visitatore a scegliere in quale sogno entrare”, conclude Gout. “Organizzazione, Sicurezza, Cortesia, Allegria, Ricavi. L’acronimo di queste cinque parole è Oscar e crediamo che sia il modo migliore per sintetizzare Cinecittà World”, dice Riccardo Capo, Direttore Generale Cinecittà Parchi SpA, già Direttore Generale di Mirabilandia. Uno che di parchi divertimento se ne intende. Cinecittà World alza il sipario: dal 24 luglio lo spettacolo ha inizio. 

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy