Cannes in bilico?

Secondo Variety, il festival non avrebbe copertura assicurativa in caso di annullamento. E il governo francese ha vietato raduni di oltre mille persone
Cannes in bilico?
Secondo Variety, il Festival di Cannes (previsto dal 12 al 23 maggio), in caso di annullamento, non potrà fare affidamento su alcuna copertura assicurativa. Il festival è tra gli eventi in bilico in seguito al decreto del governo francese che vieta gli assembramenti di oltre mille persone fino al 15 aprile.

Il management del festival, circa dieci giorni fa, avrebbe rifiutato un’opzione di riacquisto di epidemie e pandemie dalla compagnia assicurativa del festival, Circle Group. A rivelarlo alla testata americana è una fonte interna alla compagnia. L’opzione di riacquisto rappresenta circa il 6% del prezzo totale del pacchetto assicurativo.

Poiché Cannes ha rifiutato di prendere l’opzione, il festival non sarà coperto nel caso di annullamento, anche nel caso in cui non si terrà per gli effetti delle decisioni governative.Il festival, che avrebbe un budget attorno ai 20 milioni di euro, è finanziato dai contribuenti francesi e dagli sponsor.

Gli organizzatori avevano comunicato a Variety che stavano monitorando la situazione, mentre perseguivano la selezione dei film in vista della conferenza stampa del 16 aprile. Ad oggi, dall’organizzazione del festival nessuno commenta la notizia della testata americana.

Come la maggior parte delle compagnie assicurative in Francia, Circle Group non copre le cancellazioni dovute al coronavirus, come avviene con altre epidemie e pandemie. Ciò significa che coloro che organizzano eventi devono prenotare un’opzione di riacquisto separata. Una possibilità che si può verificare solo prima che la propagazione del virus superi certi parametri.

Thierry Fremaux, delegato generale del Festival di Cannes – foto Karen Di Paola

Nel caso del coronavirus, le compagnie assicurative hanno smesso di rendere queste opzioni disponibili dalla fine di gennaio. A quanto si apprende, Circle Group era disposta a fare un’eccezione per Cannes, considerato il prestigio del cliente.

Il coronavirus non è considerato dagli assicuratori francesi un caso di forza maggiore perché non sarebbe incontrollabile, esterno e imprevedibile, cioè i tre criteri per definire quel tipo di situazione.

Il nuovo decreto governativo, che vieta i raduni di oltre mille persone, provocherà una serie di cancellazioni inevitabili, dagli spettacoli dal vivo agli eventi sportivi. È valido fino al 15 aprile e il festival dovrebbe iniziare il 12 maggio, ma la domanda è lecita: Cannes si farà?

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy