Viaggio sola

ITALIA - 2013
2/5
Viaggio sola
La quarantenne Irene è single, senza legami né alcun desiderio di stabilità. Si sente libera, privilegiata e il suo unico impegno è il lavoro, una professione che in molti sognerebbero di fare: l'"ospite a sorpresa", il temutissimo cliente in incognito che annota, valuta e giudica gli standard degli alberghi di lusso. Irene viaggia molto e ha una vita nomade, ma quando torna a casa ha i suoi punti di riferimento: la sorella Silvia, sposata con figli, svampita e sempre di corsa, e l'ex fidanzato Andrea, con cui ama condividere le sue passioni, ma che ormai è come un fratello. Tuttavia, l'incontro con l'antropologa Kate metterà in discussione le sue certezze...
  • Altri titoli:
    A Five Star Life
    Je voyage seule
  • Durata: 85'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: (1:2.35)
  • Produzione: DONATELLA BOTTI PER BIANCAFILM CON RAI CINEMA, IN ASSOCIAZIONE CON AUGUSTUS COLOR
  • Distribuzione: TEODORA FILM
  • Data uscita 24 Aprile 2013

TRAILER

RECENSIONE

di Federico Pontiggia
Viaggia sola Margherita Buy (sì, la solita Margherita Buy), ispettrice di hotel di lusso e dunque giramondo per coatto arbitrio: insomma, un altro movimento 5 stelle... Ha un migliore amico, il suo ex Stefano Accorsi, e una sorella naif con due figlie e un marito abulico (Gian Marco Tognazzi), più la sua vita: libertà in prima persona singolare o solitudine forzata? Comunque, decrescita infelice (dal lusso degli hotel al domicilio privato) e singletudine in movimento: Viaggio sola di Maria Sole Tognazzi. Non è un film riuscito, nonostante premesse/promesse non ambiziose: un piccolo film, si direbbe, che del minimalismo ha l'intenzione più che l'esito. Carrellata di resort, vedute turistiche, bisticci familiari, un amico liquido, una neoamica infartata, ma quasi nulla si stringe: anche qui, e - spiace dirlo - il cognome aiuta, la sensazione che l'Italia oggi sia davvero poca cosa. Problema di storia o racconto? Entrambi, probabilmente: Laurent Cantet non abita qui.

NOTE

- FILM RICONOSCIUTO DI INTERESSE CULTURALE REALIZZATO CON IL SOSTEGNO DEL MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI-DIREZIONE GENERALE PER IL CINEMA.

- REALIZZATO CON IL SUPPORTO DI THE LEADING HOTELS OF THE WORLD.

- DAVID DI DONATELLO 2013 A MARGHERITA BUY COME MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA. IL FILM ERA CANDIDATO ANCHE PER: MIGLIOR SCENEGGIATURA, ATTRICE NON PROTAGONISTA (FABRIZIA SACCHI), ATTORE NON PROTAGONISTA (STEFANO ACCORSI) E MONTATORE.

- COMMEDIA DELL'ANNO E PREMIO 'PERSOL' PERSONAGGIO DELL'ANNO A MARIA SOLE TOGNAZZI AI NASTRI D'ARGENTO 2013. LE CANDIDATURE ERANO: MIGLIOR PRODUTTORE (DONATELLA BOTTI É STATA CANDIDATA ANCHE PER "IL ROSSO E IL BLU" DI GIUSEPPE PICCIONI), SOGGETTO, ATTRICE PROTAGONISTA (MARGHERITA BUY) E NON PROTAGONISTA (FABRIZIA SACCHI) E MONTAGGIO.

CRITICA

"(...) il film dovrebbe affrontare la dimensione del piacere, che invece resta stranamente fuori campo. (...) sfiora punti decisivi di quel vivere contemporaneo scaturito da nuove tecnologie, nuovi mestieri, nuove identità, (qua e là si pensa a 'Tra le nuvole'), ma resta sempre troppo cauto, imbrigliato, indolore per lasciare davvero il segno. Ancora una volta: bella idea e film a metà." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 24 aprile 2013)

"Il terzo film della quarantenne Maria Sole Tognazzi, 'Viaggio sola', ci dice che nessun tema è ovvio, banale, usurato. Ci dice che le potenzialità non finiscono mai, che è tutto nel come si racconta, nell'architettura di una storia, nell'invenzione dei suoi personaggi. E qui la regista ne ha creato uno, quello della protagonista Irene, che resterà tra i più riusciti nel già molto ricco curriculum dell'interprete Margherita Buy. Lo ha creato con due sceneggiatori, Ivan Cotroneo e Francesca Marciano, che nel corso degli anni hanno notevolmente contribuito a cogliere Io sguardo soprattutto femminile dentro una società in mutamento. Non è proprio un caso che, dalla collaborazione di Cotroneo a 'Mine vaganti' alle precedenti co-presenze della stessa coppia qui formata da Buy con Stefano Accorsi in 'Le fate ignoranti' e 'Saturno contro', rimbalzino in 'Viaggio sola' richiami e assonanze con la sensibilità del cinema di Ozpetek. (...) il colpo d'ala (dopo un percorso che tiene prodigiosamente insieme il fascino del personaggio e il dubbio sulla povertà della sua libertà) sta nello sciogliere la storia senza sconti, senza forzature, e nel rispetto della complessità." (Paolo D'Agostini, 'La Repubblica', 24 aprile 2013)

"Il bel film di Maria Sole Tognazzi, dopo "Passato prossimo" e "L'uomo che ama", volutamente non risponde perché si impegna soprattutto nella costruzione di quel ritratto di donna così insolito nel cinema italiano, studiandolo in ogni dettaglio con una maturità di racconto e di linguaggio pronta a testimoniare un talento ineccepibile ormai da ogni punto di vista nel disegno sempre molto abile dei caratteri, nei ritmi spesso affannati in cui i personaggi vengono coinvolti, nelle immagini splendide (di Arnaldo Catinari) che, evocando quelle cornici di lusso (ho riconosciuto il Crillon a Parigi, l'Adlon a Berlino) riescono a conferir loro il sapore di scenografie preziose, sfondo degno di una storia che però, fra le pieghe, si svolge spesso in cifre amare. Ricrea queste cifre, con finezza e contatto, Margherita Buy nella pienezza dei suoi modi espressivi. Il migliore amico al suo fianco è Stefano Accorsi, con semplicità e con misura. Un duetto che fa molto piacere incontrare di nuovo dopo i successi caldi de "Le fate ignoranti" e di "Saturno contro". Complimenti Maria Sole, ormai sei cresciuta!" (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 24 aprile 2013)

"Acuta, originale, ben costruita commedia della figlia d'arte Maria Sole Tognazzi. (...) Un bel ritratto, vivace anche se malinconico, di donna sola, la sempre brava Margherita Buy." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 24 aprile 2013)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy