Tutta la vita in una notte

ITALIA - 1938
La moglie del capostazione di un paesino montano vedendosi trascurata dal proprio marito che si mostra non insensibile alle seduzioni di una avventuriera, ospite a titolo di villeggiatura, inizia un idillio telefonico con un impiegato della stazione centrale. Quando, per un caso fortuito, lei si incontra con il suo corrispondente sconosciuto, crede di identificarlo in un aitante giovane che approfitta dell'occasione per convincerla a fuggire con lui. Tuttavia, all'ultimo minuto la donna conosce colui che realmente le telefonava e può constatarne il volto sfigurato, motivo per cui l'uomo ha sempre cercato di non incontrarla. Dopo tale delusione la donna comprende la sciocchezza compiuta e si riconcilia col marito che, a sua volta, si libera dell'ospite pericolosa.

CAST

CRITICA

"La materia di questo film è molto impegnativa e visibilmente tende a impostarlo su un piano drammatico, di certo di sentimenti e sulla evocazione di tipi non del tutto correnti e generici. (...) Il soggetto, insomma, è impostato su elementi pregevoli (...). Ma poi s'è perso un poco per strada per l'intrusione di troppi elementi vuoi ingenui, vuoi convenzionali: e anche nel dialogo per una certa ridondanza letteraria, sentenziosa, ma non altrettanto efficace. Comunque la prima parte rimane la migliore, perché la più pura e lineare". (Alberto Ceretto, 'Gazzetta del popolo', 30 aprile 1939)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy