Suite francese

Suite Française

FRANCIA, GRAN BRETAGNA, BELGIO - 2014
Suite francese
Ambientato durante i primi anni dell'occupazione tedesca in Francia, nel corso della Seconda Guerra Mondiale, racconta la storia della bellissima Lucile Angellier, abitante in un villaggio francese, che nell'attesa di ricevere notizie del marito prigioniero di guerra, vive un'esistenza soffocante insieme alla suocera, donna dispotica e meschina. La vita di Lucile viene stravolta quando i parigini in fuga si rifugiano nella cittadina dove vive e la città viene invasa dai soldati tedeschi che occupano le loro case. Inizialmente Lucile ignora la presenza di Bruno von Falk, un raffinato ufficiale tedesco che è stato dislocato nella loro abitazione. Ma dopo un'iniziale indifferenza, Lucile si risveglia e inizia a esplorare sentimenti sepolti che la porteranno inevitabilmente verso Bruno...
  • Durata: 107'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, GUERRA, ROMANTICO
  • Tratto da: romanzo omonimo di Irène Némirovsky (ed. Adelphi)
  • Produzione: QWERTY FILMS, EONE, TF1 FILMS PRODUCTION, ALLIANCE FILMS, MOMENTUM PICTURES, SCOPE PICTURES
  • Distribuzione: VIDEA (2015)
  • Data uscita 12 Marzo 2015

TRAILER

CRITICA

"(...) Kristin Scott Thomas, magnifica interprete (...). La gamma dei sentimenti e delle debolezze sono descritti con brillante, empatica misura da Dibb, riservandosi di dare al film una conclusione necessaria, che il romanzo non ha. Senza cedere alle secche del romanticismo." (Luca Pellegrini, 'Avvenire', 26 febbraio 2015)

"Dal romanzo atroce ma anche melodrammaticamente piacione di Irène Némirovsky (...) un film elegante di Saul Dibb, appassionato di sfide tra ragione e sentimenti. 'Senso' di Luchino Visconti ha fatto scuola. Inquadrando del libro solo la love story, molto meno il contesto, peccando di infedeltà, l'autore si fa scudo con la bravissima Kristin Scott Thomas che fa soffrire Michelle Williams, tutto in una confezione regalo, con fiocchi, abbracci spezzati, silenzio del cuore e del Mare (citando, non a caso, Vercors). Una volta si diceva; cinema per signore. Possiamo ancora?" (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 12 marzo 2015)

"Abituati alle peggiori nefandezze in materia di cinema e nazismo, accoppiata sempre pericolosa, temevano il peggio. Invece malgrado la confezione lusso questo adattamento girato in inglese è duro, secco, composto, quasi privo di compiacimenti. Una sorpresa." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 12 marzo 2015)

"La tessitura letteraria, e non indegnamente la sua trascrizione filmica, riscatta le prevedibilità dello stereotipo, sviscerando le infinite sfumature anche scomode (...) di cui fu impastata la tragica realtà." (Paolo D'Agostini, 'La Repubblica', 12 marzo 2015)

"Occasione ghiotta per il cinema d'autore di smaccato stile europeo, il romanzo incompiuto di Irène Némirovsky (...) avrebbe avuto, in effetti, tutte le caratteristiche per favorire un classico innesto di passione amorosa nello scenario del secondo conflitto mondiale. Ricostruendo, però, per l'ennesima volta l'infinito elenco delle trasposizioni letterarie dalla pagina allo schermo, difficilmente conquisterà un posto d'onore il film di coproduzione vecchio stile che ne ha tratto un regista opaco come Dibb (...): una figura di donna così canonicamente scissa tra ragione e sentimento avrebbe avuto bisogno, infatti, di una scrittura incisiva, un'ambientazione innovativa e un cast altamente competitivo. Succede, invece, che il respiro corale romanzesco originario si disperda in una patinatura paesaggistica di routine, dialoghi verbosi e ripetitivi e una bella ma infelice protagonista (Williams) più smorfiosa che memore dell'indimenticabile Alida Valli di «Senso» (...). Se «Suite francese» non fa del tutto rivoltare nella tomba la sfortunata scrittrice, lo si deve esclusivamente alla sempre magnifica Scott Thomas, impegnata con piena e ricca varietà di sfumature verbali, espressioni e movimenti nel ruolo della suocera severa, avida e sfruttatrice (...)." (Valerio Caprara, 'Il Mattino',12 marzo 2015)

"(...) la 'Suite' dispiega lo spartito umano, trova ragione e sentimento, segreti e bugie. Piuttosto che 'Casablanca', Dibb cita per modello 'Roma città aperta', 'Le chagrin e la pitié' di Marcel Ophüls (1969), ma il voltaggio cinematografico della 'Suite' è inferiore: rabberciata alla meno peggio la scelta della lingua inglese (parlata dai francesi della finzione), la 'Suite' non taglia la voce over di Lucille, sebbene la Williams abbia l'espressività buona per farne a meno. Scenografie, trucco e parrucco eccellenti, interpreti all'altezza (la Scott Thomas è una garanzia, Schoenaerts una promessa mantenuta), si corre pero un rischio: che il minimalismo drammaturgico, la tavolozza tenue dei sentimenti, il canovaccio trattenuto esautori la vita dal racconto, la Storia dalla 'più grande storia d'amore mai raccontata'. Suonala ancora, Saul..." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 12 marzo 2015)

"Piacerà a chi ha imparato a amare Kristin Scott Thomas quando era solo donna affascinante e non può non desistere ora che la donna da attrice completa si mangia tutto il film nei panni di un'indomabile matriarca di provincia. A parte Kristin il resto del film è meno commestibile. Sulla traccia di un romanzo di Irène Némirovsky il regista tenta di impostare un discorso sui conflitti di classe. Ma ci si perde." (Giorgio Carbone, 'Libero', 12 marzo 2015)

"Tormentato, romantico mélo, che racconta l'impossibile storia d'amore, non proprio inedita, tra due nemici per caso. (...) Stilisticamente impeccabile, infiammerà certo le spettatrici più sensibili." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 12 marzo 2015)

"Filmone di passione contesa e idillio pacifista come una volta, fiaccamente tendente all'epica d'amore (...). La pagina è equilibrata, anche quando evita il feuilleton, il film invece punta sulla tensione mélo di scena. Inopportunamente infedele. Meglio il libro." (Silvio Danese, 'Nazione - Carlino - Giorno', 13 marzo 2015)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy