SALVARE LA FACCIA

ITALIA - 1968
Licia Brignoli, figlia di un noto industriale, viene fotografata di nascosto tra le braccia di Mario, ad opera del suo stesso partner, che intende ricavare dall'affare un bel mucchio di soldi. Per evitare uno scandalo, l'industriale, versati a Mario venti milioni, decide, col consenso dell'altra figlia, Giovanna e di Francesco suo marito, di far passare Licia per pazza. Finito il periodo d'internamento in una casa di cura, la giovane torna in famiglia, decisa a vendicarsi. Minacciandolo di morte, rende Mario suo complice, costringendolo a fotografare e a registrare su nastro gli incontri di Brignoli con l'amante. Pur di riavere le prove dei suoi illeciti convegni, l'industriale accetta di incontrarsi con Mario: scatta un ingegnoso meccanismo preparato da Licia e il giovane muore; accortosi che il colpo mortale è partito dalla sua stessa rivoltella, Brignoli si affretta a farla sparire. Intanto proseguendo nell'attuazione del suo piano, Licia incoraggia un tentativo di seduzione del cognato, facendo in modo che la sorella se ne accorga. Così avviene e Giovanna, disperata, si uccide. Mentre Francesco abbandona per sempre la casa, Licia rivela al padre che l'arma con cui Mario è stato ucciso è di nuovo nelle sue mani. Ha inizio così una squallida vita a due, dominata per l'uomo dal terrore che la figlia possa un giorno servirsi della prova in suo possesso per farlo incarcerare.

CAST

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy