ROMANTICISMO

ITALIA - 1950
Il dottor Antonio Ansperti di Como, implicato nell'attività clandestina della "Giovane Italia", viene arrestato dalla polizia austriaca nel 1858. Sottoposto a processo, viene condannato a morte e giustiziato, malgrado gli sforzi del suo conterraneo conte Lamberti intervenuto in suo favore presso il governatore di Milano. Al Lamberti appunto il martire ha affidato il compito di continuare l'opera sua: per meglio giovare alla causa il conte accetta dal governatore un alto ufficio. La mossa del conte viene male interpretata da sua moglie, la contessa Anna, fervente patriota, che s'allontana sempre più dal marito. Essa sente una viva simpatia per il giovane segretario del governatore, un esule polacco, e decide di fuggire con lui. Ma la vedova d'Ansperti, facendole comprendere l'errore, in cui è caduta, la distoglie dal suo proposito. Per vendicarsi dell'improvviso voltafaccia, il segretario denuncia il conte alla polizia. Deciso a soffocare lo scandalo, il governatore offre al conte un salvacondotto per Torino. Lamberti finge d'accettare; ma poi consegna il salvacondotto al nipote Giacomino; gravemente compromesso, e si lascia arrestare dalla polizia.

CAST

NOTE

MUSICA DIRETTA DA FERNANDO PREVITALI

CRITICA

"E' un film ben fatto, decoroso, curato, con un discreto ritmo cinematografico, almeno nel primo tempo. Nella seconda parte e soprattutto nella conclusione c'è un certo rallentamento ed un poco felice montaggio". (E. Fecchi, "Intermezzo", n. 7 del 15/4/1951).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy