Ricomincio da capo

Groundhog Day

USA - 1992
Ricomincio da capo
Sono anni che Phil Connors, un metereologo televisivo, accompagnato dalla produttrice Rita Hanson e dal fido operatore Larry, si reca a Punxsutawney in Pennsylvania per il 2 febbraio in occasione del "giorno della marmotta". Accade però a Phil una cosa eccezionale: il tempo per lui si arresta: ogni mattina successiva egli si ritrova bloccato, nessuno se ne accorge e per vari giorni deve affrontare situazioni diverse. Dapprima indispettito e sgomento, poi interessato e divertito. Connors si trova a vivere situazioni incredibili, nonché a conoscere dettagli e sentimenti di Rita, di Larry, di un vecchio compagno di scuola che ora fa l'assicuratore, oltre a tanti ignoti del posto. Prevedendo in anticipo non più temporali e temperature, ma i gusti delle persone e ciò che loro può capitare, Phil diventa ancor più celebre, impara a suonare il piano, riesce a scolpire statue di ghiaccio e, quel che è più, a mettere in luce il lato migliore di se stesso, aiutando la gente nel corso di una stessa giornata (che gli pare eterna). Soprattutto trovando l'amore con Rita, che alla fine subisce il suo fascino.
  • Durata: 103'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Produzione: TREVOR ALBERT E HAROLD RAMIS PER COLUMBIA PICTURES
  • Distribuzione: COLUMBIA TRI STAR FILMS ITALIA (1993) - COLUMBIA TRISTAR HOME VIDEO

CRITICA

"Per come è strutturato "Ricomincio da capo" sembra un susseguirsi di ciak: in quanti modi una scena può essere girata? In quanti modi un personaggio può reagire davanti a una certa situazione? E metaforizzando: in quanti altri modi potremmo giocare la nostra esistenza migliorandola?" (Alessandra Levantesi, La Stampa)

"Niente di trascendentale, fuorchè il problema spazio temporale, ma una commedia garbata, old style nel recupero dei sentimenti della vita quotidiana che ricomincia ogni mattina." (Maurizio Porro, Il Corriere della Sera)

"Senza grandi voli e senza neanche molte novità (il genere è quello e vie diverse non ne cerca), ma quel tanto di surreale che le situazioni propongono, con "ritorni al futuro" rovesciati e "attimi fuggenti" appesi a un chiodo, non fatica, troppo a convincere." (Gian Luigi Rondi, Il Tempo)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy