RAPPORTO A QUATTRO

JUSTINE

USA - 1969
In Egitto nel 1930, allo scadere imminente del mandato inglese, i cristiano-copti cercano di premunirsi contro i rischi. Per la loro comunità. Del passaggio dei poteri della maggioranza musulmana. Moglie del banchiere Nessim, che vende clandestinamente armi agli ebrei palestinesi in cambio di un futuro asilo per i copti, Justine Osnani, considerata fra le più belle donne d'Alessandria, non esita, per il ben della causa, a far uso generoso del proprio corpo. Dopo aver sedotto per cavarne qualche informazione, un giovane insegnante inglese; Darnely, Justine cerca di fare altrettanto, ma inutilmente, con Passwarden, un diplomatico inglese amico di famiglia. Quando, in seno alla comunità, copta, il fratello di Nissim insorge per disapprovare la condotta dei capi, Justine, considerando la sua dissidenza un pericolo, non esita ad approvare la decisione di ucciderlo. Durante un colloquio con una giovane danzatrice, Melissa, che non perdona a Justine l'essersi innamorata di Darnely, Pesswarden viene a sapere dell'attività clandestina della famiglia Nessim. Rivelato a Justine, affinchè lei e il marito abbiano il tempo di mettersi in salvo, di aver informato l'ambasciata, il diplomatico si uccide. Non avendo potuto lasciare il paese, Justine, ottiene concedendosi allo stesso ministro degli interni egiziano, di poter godere della libertà concessa dall'arresto domiciliare.

CAST

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy