Piume di struzzo

The Birdcage

USA - 1996
Piume di struzzo
A South Beach in Florida il ménage di Albert con Armand Goldman è perfetto: omosessuali entrambi, i due convivono da un ventennio; vanno d'accordo e gestiscono un frequentatissimo locale per travestiti (il Birdcage), dove Albert, nel ruolo di Starina, si esibisce con successo. Però ha un figlio (Val, normalissimo e simpatico) e guai si profilano all'orizzonte il giorno in cui il giovane, innamoratosi di Barbara, la figlia del rigido senatore Keely, manifesta la volontà di convolare a nozze. La madre naturale di Val esiste, ma da Armand è separata da venti anni, per cui il giovane considera come "mamma" il compagno di papà. Tanto per complicare le cose, la fidanzata spaccia la famiglia dell'amato bene come appartenente addirittura al mondo diplomatico. Il senatore, un repubblicano dai più fieri costumi e ultraconservatore, vede nel fatto qualcosa di utile per le proprie ambizioni politiche e di "status". Con l'aiuto di Agador, l'eccentrico cameriere di Armand ed Albert avviene l'incontro tra i quattro prossimi consuoceri: Albert cui, conduce il gioco con brio, elegantemente abbigliata in vesti femminili, tanto da affascinare l'ostico parlamentare. Finché, altrettanto inattesa, arriva in scena al momento del pranzo la vera mamma di Val. Ma questi affronta, da maturo giovane dei tempi attuali, ogni imbarazzo, dichiarando che per lui la vera madre è Albert e tale rimane.
  • Altri titoli:
    Una jaula de grillos
    The Birdcage - Ein Paradies für schrille Vögel
  • Durata: 106'
  • Colore: C
  • Genere: COMICO
  • Specifiche tecniche: PANAVISION, 35MM (1:1.85)
  • Tratto da: liberamente ispirato al lavoro teatrale "La cage aux folles" di Jean Poiret
  • Produzione: MIKE NICHOLS
  • Distribuzione: UIP (1996) - MGM HOME ENTERTAINMENT, DVD: 20TH CENTURY FOX HOME ENTERTAINMENT (2008)

NOTE

REVISIONE MINISTERO MAGGIO 1996.

CRITICA

Trasportando questa storia da Saint-Tropez a South Beach in Florida (con scorci, negli esterni, di Miami), Mike Nichols, aiutato da una sceneggiatrice di vaglia, Elaine May, sua felicissima complice in passato anche in teatro, è riuscito, se possibile, a superare in comicità e in allegria il film e la commedia originale facendosi sorreggere da invenzioni e da trovate tutte molto pertinenti, un occhio sempre attento all'attualità. (Il Tempo, Gian Luigi Rondi, 12/5/96).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy