Paddington 2

GRAN BRETAGNA, FRANCIA - 2017
3/5
Paddington 2
Paddington vive felicemente con la famiglia Brown a Windsor Gardens, ed è diventato un membro popolare della comunità. Impegnato nella ricerca del regalo perfetto per il centesimo compleanno dell'amata zia Lucy, Paddington scova un raro libro pop-up nel negozio di antiquariato del signor Gruber e per raggiungere la somma di denaro utile all'acquisto si imbarca in una serie di lavori disparati. Il libro, però, viene rubato così l'orsetto e i Brown decidono di fare delle indagini per smascherare il ladro.
  • Durata: 95'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: (1:2.35)
  • Tratto da: personaggio creato da Michael Bond
  • Produzione: HEYDAY FILMS, MARMALADE FILMS LTD., STUDIO CANAL
  • Distribuzione: EAGLE PICTURES
  • Data uscita 9 Novembre 2017

TRAILER

RECENSIONE

di Gian Luca Pisacane

La marmellata addolcisce la colazione, accompagna durante le passeggiate e si trasforma in una zuccherosa merenda quando la si spalma sul pane. L’orsetto Paddington non ha dubbi: senza non si può vivere, così nasconde qualche panino nel suo cappello rosso e si prepara a soddisfare ogni minimo languorino. Lui è un orso peruviano che, dopo le avventure del primo capitolo, abita con i Brown a Windsor Gardens, in una villa georgiana da milioni di sterline.

La famiglia si prende cura di ogni suo più piccolo desiderio, mentre il nostro amico peloso si aggira per Londra con un immancabile montgomery blu. In Paddington 2, il compleanno di zia Lucy si avvicina e serve qualcosa di speciale per celebrare il suo centenario. Paddington trova uno splendido libro pop-up in un negozietto d’antiquariato, ma costa troppo, ben mille sterline.

L’unica soluzione è cercare un lavoro ma, nello spirito dei suoi predecessori Yoghi e Bubu, Paddington è un combina guai di professione. Un giorno, il volumetto viene rubato e lui finisce in carcere. Recuperare l’onore perduto non sarà facile. Mentre i Brown cercano il vero colpevole, dietro le sbarre, il protagonista riesce addirittura a sciogliere il cuore di pietra del temibile Nocche McGinty, un Brendan Gleeson esperto di coltelli che fa tremare l’intera prigione.

Il film diverte e gioca con i buoni sentimenti per mettere d’accordo grandi e piccini. I bambini ridono per l’innocenza del nostro eroe e i genitori possono abbandonarsi a novantacinque minuti di relax cinefilo, con lo humour inglese che si rivela la ciliegina sulla marmellata. A volte, si sentono gli echi del cinema di Wes Anderson, mentre i galeotti cucinano allegramente, nella loro tuta rosa, l’ennesima prelibatezza. Il prison movie abbraccia la favola, lo spirito del cartone animato per famiglie, per poi lanciarsi in inseguimenti al cardiopalma, dove cambiano i formati e le invenzioni visive. I disegni in bianco e nero si fondono con i pop-up animati, e anche il titolo viene scritto sul vetro appannato di una finestra.

Lo spirito della prima storia rimane, anche se ormai il tema dickensiano del trovatello senza un tetto sulla testa è svanito. I Brown amano Paddington alla follia, così il regista Paul King si affida alla bontà d’animo e alle sequenze spericolate. Mongolfiere, aerei, treni impazziti e molto altro ancora sconvolgono le tranquille strade di Londra, dove ricchi signori e vecchi pazzi trascorrono le loro giornate.

Paddington 2 è una colorata avventura in salsa vittoriana, ricca di dolciumi e personaggi eccentrici. Il vilain di turno è uno Hugh Grant dal sorriso smagliante, ancora in zona Notting Hill, che interpreta l’attore Phoenix Buchanan, un ladro trasformista alla continua ricerca di un tesoro perduto. Il ruolo gli dona, anche se con quella faccia d’angelo non potrà mai sembrare malvagio. Ma forse è proprio questo lo spirito del film: esistono mille sfumature di ogni dramma e bisogna affrontare la vita col sorriso. L’orso inventato da Michael Bond colpisce ancora, e con i suoi occhi da eterno cucciolo accende la magia.

 

NOTE

- REALIZZATO CON LA PARTECIPAZIONE DI CANAL+, CINÉ+, TF1.

- VOCI DELLA VERSIONE ORIGINALE: BEN WHISHAW (PADDINGTON), IMELDA STAUNTON (ZIA LUCY).

- NELLA VERSIONE ITALIANA LA VOCE DI PADDINGTON E' DI FRANCESCO MANDELLI.

- EVENTO SPECIALE ALLA XV EDIZIONE DI 'ALICE NELLA CITTÀ' (2017), SEZIONE AUTONOMA E PARALLELA DELLA FESTA DEL CINEMA DI ROMA.

CRITICA

"Ebbene sì, il sequel dell'orsacchiotto nato sui libri nel '58 (...), che ruba la scena agli umani Hugh Grant, Bonneville, Gleeson, Walters etc., è divertente, non troppo mieloso, spiritoso nelle trovate con un imperdibile pezzo musical nei titoli di coda: gli accompagnatori dei ragazzi non potranno lamentarsi (...). Diretta da Paul King, l'avventura nei suoi 95' fa molti giri dell'oca, plaude alla fantasia con probabilità e imprevisti degni dei vecchi cartoon, mantenendo un ottimo tempismo e avvalendosi non solo delle tecniche virtuali ormai prodigiose ma anche del solido mestiere british." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 9 novembre 2017)

"Bontà a profusione, ma non dispiace." (Paolo D'Agostini, 'La Repubblica', 9 novembre 2017)

"I realizzatori sono riusciti ancora una volta a creare una deliziosa avventura per grandi e piccini, sorretta da un irresistibile umorismo britannico. Non andate via ai titoli di coda: c'è Hugh Grant (foto) in un esaltante momento musical." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 9 novembre 2017)

"Spiacerà. Magari non ai bambini (che rimangono i primi fruitori) ma quasi sicuramente ai loro genitori. Alcuni dei quali in prima battuta avevano trovato l'orsetto divertentino. Ma nel sequel è proprio stucchevole. Con tendenza al fastidioso." (Giorgio Carbone, 'Libero', 9 novembre 2017)

"Film delizioso, adatto alle famiglie, senza volgarità, arricchito da molte gag divertenti e con Grant spassoso malandrino." (A.S., 'Il Giornale', 9 novembre 2017)

"È nata una stella. Carattere, ritmo, conferma di personalità. Anche al secondo episodio l'orso parlante color nocciola, rimasto nel cuore per il suo 'principio di gentilezza' in eroicomiche tradizionali, aggancia ecumenico grandi e piccoli, ma forse solo se gli adulti sono accompagnatori: certe scenette burlesche di schianti e ruzzoloni sono vietate ai maggiori di dieci anni. (...)Formidabili i duetti col cuoco Gleeson, ormai prezzemolino di qualità." ('Nazione-Carlino-Giorno', 9 novembre 2017)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy