Nessun messaggio in segreteria

ITALIA - 2005
Nessun messaggio in segreteria
Walter è un pensionato che deve sempre inventarsi un modo per ingannare il tempo. Una mattina, leggendo il giornale, rimane sconvolto dalla notizia che per ogni giovane che lavora c'è un anziano che sta a casa. Walter decide allora di scoprire chi è che sta 'lavorando' per lui e inizia la caccia in compagnia di Sara, una ragazzina di 12 anni, sua vicina di casa. Le ricerche conducono a Piero, un giovane impiegato, timido e riservato. Walter e Piero diventano molto amici arrivando a stringere un rapporto quasi familiare. I consigli dell'anziano si riveleranno molto utili per Piero, soprattutto quelli sull'amore, campo in cui è un vero disastro, e il ragazzo troverà il primo amore della sua vita con conseguenze davvero imprevedibili...
  • Durata: 98'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:1.85)
  • Produzione: SAURO FALCHI, PIERO PADULA PER A-MOVIE PRODUCTIONS
  • Distribuzione: MOVIEMAX (2005)
  • Data uscita 20 Maggio 2005

RECENSIONE

di Valerio Sammarco
Pensionato di 70 anni, Walter (Carlo Delle Piane) non sa come spendere il tempo libero a disposizione. Rimane di stucco quando, leggendo un quotidiano, apprende che "per ogni giovane che lavora, c'è un anziano che sta a casa". Penserà bene, allora, di mettersi in cerca del ragazzo che sta lavorando "per lui", con la seria intenzione di proteggerlo e sostenerlo. Le ricerche lo porteranno a individuare in Piero (Pierfrancesco Favino) l'esemplare perfetto: impiegato integerrimo e senza vizi, single e timido. Tremendamente timido. Innamorato segretamente di Francesca (Lorenza Indovina), operatrice ecologica che ogni notte passa sotto la sua casa, Piero cercherà di conquistarla proprio con l'aiuto del nuovo angelo custode. Qualche consiglio ben assestato, un taglio di capelli adeguato e il gioco è fatto: la vitalità sopita di Piero (ora Valerio Mastandrea) sboccerà prepotentemente. Ma di quanto cambieranno le cose? Secondo lungometraggio della coppia Genovese-Miniero, Nessun messaggio in segreteria - titolo che rimanda alla triste quotidianità dell'impacciato Piero - prende le mosse da un reale rilevamento Inps e Istat, confermato in alcuni comuni italiani, secondo cui il rapporto fra nuovi lavoratori e pensionati è perfettamente paritario. Da qui, la commedia si sviluppa intrecciando i destini di vari personaggi, distanti sul piano generazionale ma uniti dalla solitudine: come la piccola Sara (Nicole Murgia), figlia di Francesca, che avverte l'assenza di una figura paterna e stringe alleanza con il vicino Walter - un Delle Piane in splendida forma - diventandone la migliore amica. E quasi a voler forzare questo concetto dell'essere soli, Genovese e Miniero si sbizzarriscono nell'architettare un insolito intreccio corale: sarà difficile, al termine della proiezione, decidere quale ne sia/quali ne siano il protagonista/i protagonisti. Originali e - perché no? - coraggiosi nel rendere così esplicito il mutamento caratteriale di Piero, i due autori dimostrano che con buone idee e bravi attori, ancora oggi, si può fare cinema di qualità. Tre piccole annotazioni: 1) la casta spogliarellista interpretata da Anna Falchi sembra più un vezzo alimentare che una reale necessità narrativa (si controllino i credits alla voce "produttore"...); 2) il cliente in visita nell'appartamento di Delle Piane è Gianni Ferreri, già protagonista del primo film (Incantesimo napoletano) e del precedente, graziosissimo cortometraggio (Piccole cose di valore non quantificabile) di Genovese e Miniero; 3) l'aforisma di Gianfranco Funari - idolo televisivo che Delle Piane incontra sul Tevere - è da segnare sull'agendina: "La televisione è come la cacca. Bisogna farla, ma non guardarla".

CRITICA

"Carlo delle Piane va a trovare il suo e trova nel bravo Pier Francesco Favino un impiegato timido che non riesce a entrare nell' uovo della vita. Lo prenderà per mano, anche con conflitto di interessi, in una storia di gelosia & amicizia, rancori & rimorsi in cui non è estranea una vena surreale (sdoppiamento schizofrenico) fra i poli dell' ideale femminile, la raccogli rifiuto e la ballerina da peep show. Genovese e Miniero, autori dello spiritoso 'Incantesimo napoletano', offrono una glossa generosa e delicata alla sociologia del made in Italy di oggi con un film povero ma bello, intelligente, sensibile ma non strappacore e molto ben recitato." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera, 14 maggio 2005)

"La coppia formata da Luca Miniero e Paolo Genovese ritenta il colpo della commedia favolistica che aveva fatto del loro precedente minuscolo film 'Incantesimo Napoletano' un vero caso. (...) La premessa c'è e promette divertimento intelligente, lo svolgimento è meno leggero e più affannato rispetto a un precedente che motivava molta attenzione. Favino ha fatto e può fare di meglio". (Paolo D'Agostini, 'la Repubblica', 20 maggio 2005)

"Dopo 'Incantesimo napoletano', Genovese e Miniero tornano al bizzarro. (...) L'avvio è curioso. Ed è buffo, anche se solo accennato, il fatto che il giovane interpretato da Pier Francesco Favino quando è timido, quando si scioglie ha la faccia di Valerio Mastandrea. Il vero merito del film, però, è di Carlo Delle Piane fra l'ironico e il comico. " (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 21 maggio 2005)

"Come il divertente 'Incantesimo Napoletano', 'Nessun messaggio in segreteria' di Paolo Genovese e Luca Miniero parte da un dato molto realistico ma sceglie di portarlo alle estreme conseguenze. E diventa quindi una commedia surreale, recitata però senza macchiettismi o forzature. Su tutti, svetta il personaggio del pensionato, interpretato da un Carlo Delle Piane ispirato, molto in forma. Troppo, perché non si noti la differenza con tutto il resto. Ma l'idea è buona, il film fa sorridere e riesce anche a raccontare con leggerezza le difficoltà di vivere in una città come Roma. Genovese e Miniero ci faranno vedere ancora molte cose." (Roberta Bottari, 'Il Messaggero', 27 maggio 2005)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy