Mammuth

FRANCIA - 2010
3/5
Mammuth
Mammuth ha fatto per tutta la vita il macellaio e ora che ha raggiunto i sessant'anni aspetta con ansia la festa organizzata dai colleghi a sancire l'imminente pensionamento. Lavora da quando aveva 16 anni, non ha mai perso un impiego né preso periodi di malattia, eppure, ora che i funzionari del Fondo Pensionistico stanno facendo i conti, lo informano che, secondo i loro calcoli, mancano alcuni anni di contributi. Spinto da sua moglie, l'uomo monta in sella alla sua vecchia moto "Mammuth" e parte alla ricerca degli ex datori di lavoro del passato per mettere insieme l'incartamento necessario ad andare finalmente in pensione con contributi più alti. Il viaggio diventa ben presto l'occasione per rivedere amici, datori di lavoro e colleghi del passato e scoprire, con sua grande meraviglia, di essere sempre stato considerato un idiota. E' arrivato il momento per Mammuth di dare prova della propria autostima e di fare i conti con il passato e con quella donna, Yasmine, tanto amata e persa a causa di un incidente stradale. Non è solo però: al suo fianco c'è il nipote con la sua giovanissima ed eccentrica fidanzata, che gli faranno riscoprire il poeta che dormiva dentro di lui...
  • Durata: 89'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:1.85)
  • Produzione: GMT PRODUCTIONS, NO MONEY PRODUCTIONS, ARTE FRANCE CINÉMA, DD PRODUCTIONS, MONKEY PACK FILMS
  • Distribuzione: FANDANGO
  • Data uscita 29 Ottobre 2010

TRAILER

RECENSIONE

di Federico Pontiggia

Che succede se un giorno scopri di essere un idiota agli occhi del mondo? Chissà, forse potresti prenderlo per buono, e dare prova di quanto vali: agli altri, se non a te stesso. Così farà Mammuth, macellaio sul filo del traguardo pensionistico, con un ultimo ostacolo: inspiegabilmente mancano alcuni anni di contributi, quelli buoni per compiere un viaggio nel passato, tra amici e colleghi, datori di lavoro e l’amore di una vita. Tra revanche professionale e (ri)educazione sentimentale, la parabola on the road è quella di Gérard Depardieu, con coda di cavallo, Obelix per sosia e una vecchia moto – anche lei Mammuth – sulla via del riscatto.
A tallonarlo due registi anarchici e grotteschi, i francesi Gustave Kervern e Benoît Delépine, che ribadiscono di amare lo sporco: zozzo e arruffato Depardieu, sgranate, quasi (video)telefoniche le immagini, spesso attaccate alle spalle di questo pachiderma da ridere. Perché si ride molto, e senza sforzo: eppure, qualcosa non va. Dagli autori di Avida e Louise-Michel era lecito aspettarsi di meglio, di più corrosivo, cattivo e politicamente scorretto: viceversa, le risate si accontentano della superficie, mentre la mole di Depardieu può tutto.

CRITICA

"Debole, anche se a tratti divertente, 'Mammuth' di Benoit Delépine e Gustave Kervern, road movie con Gérard Depardieu, sempre più simile a Obelix, sulle tracce di vecchi datori di lavoro e documenti necessari per la pensione." (Alessandra De Luca, 'Avvenire', 20 febbraio 2010)

"Oggetto da maneggiare con cura. Sarebbe facile dirvi: andate a vedere 'Mammuth', è un bel film con un Depardieu monumentale. Voi, magari, ci andate. E se non siete stati avvertiti, passate metà del film a gridare 'fuoco!', a litigare con la maschera, a maledire il proiezionista e tutti i suoi avi. (...) 'Mammuth' è un film bello e curiosissimo, ma necessita di robuste istruzioni per l'uso. Magari partendo dai due registi. Gustave Kervern (classe 1962) e Benoît Delépine (classe 1958), francesi, hanno alle spalle pochi film (l'unico noto in Italia è 'Louise-Michel', 2008) e una lunga carriera televisiva. I loro show su Canal+ hanno fatto molto discutere per i loro toni disturbanti, provocatori, 'scurrili'. Potremmo definirli la risposta d'Oltralpe alla 'Cinico Tv' di Ciprì & Maresco. 'Mammuth' è il loro primo film 'sentimentale'. (...) Il film è un tenero apologo sulla vecchiaia incombente, girato con fotografia a colori iper-sgranata, spesso fuori fuoco, con scelte visive da cinema sperimentale (Depardieu, per dire, è spesso inquadrato di spalle). In Francia, dove è uscito ad aprile, ha totalizzato oltre 800.000 spettatori. In Italia, sarà già un successo se ne farà 800. Ma non si sa mai. Proviamo a emulare i cugini, che quando si tratta di cinema sono anni luce avanti a noi." (Alberto Crespi, 'L'Unità', 29 ottobre 2010)

"È roccioso, ottuso e gigantesco come un mammuth Serge Pilardos (un bravissimo Gérard Depardieu), novello pensionato francese. Certo, 'Mammuth' non si distingue per grandi doti di umanità e di acume: al supermercato ha più a cuore gli insaccati di un uomo agonizzante, per far passare il carrello della spesa tra due macchine ammacca la sua auto e quella vicina. Ma la sua graniticità nasconde il dolore mai sopito per la morte di un ex fidanzata. (...) 'Mammuth' strappa alcune risate noir irresistibili, ma non ha la stessa cattiveria proverbiale e tenace di cui i registi sono stati capaci nel magnifico 'Luis-Michel'. Anche perché questa volta l'eccezionale Yolande Moreau ha un ruolo marginale." (Cristina Battocletti, 'Il Sole 24 Ore', 29 ottobre 2010)

"Attenzione: film-Ufo. Chi ha visto 'Louise-Michel' conosce il mix di beffarda ferocia e furiosa malinconia dei due guastatori Kervern e Delépine, ma 'Mammuth' va oltre. (...) Immagini sgranate (il film è girato in super 16, una pellicola estinta!), incontri bizzarri (il vecchio cugino Paul anima la scena più sconcia, triste e esilarante del decennio), un'estetica che sposa l'humour noir e il fumetto acido (fra i comprimari appare il vignettista Siné) a una tradizione poetica e libertaria molto francese (linea Brassens - Vian - Harakiri), con emozione e divertimento rari. Un regalo, impreziosito da figure femminili diversissime, la moglie extralarge (Yolande Moreau); il fantasma del primo amore (Isabelle Adjani, incredibile), e la stralunata Miss Ming, l'artista autistica che con i suoi surreali bricolages dischiude la vena creativa di quel bestione. Curiosità: il salumiere che affronta Depardieu in una lite epica e derisoria è Kervern, uno, dei due registi. Consiglio: esigete la versione originale." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 29 ottobre 2010)

"Tutt'altro che un capolavoro, 'Mammuth' è uno di quei film che strappa un briciolo di simpatia anche agli spettatori più refrattari. Meglio dire subito, peraltro, che la messinscena si sorregge tutta sulla strenua performance di Gérard Depardieu, a suo pieno agio nel raggiungere vette sublimi giocando sulle concordanze tra il protagonista di finzione e la propria autentica personalità. I registi Delépine e Kervern (noti in patria come autori del programma più sfrontato di Canal Plus) avevano esibito propensioni affini in 'Louise-Michel', revival della lotta di classe vista attraverso lo specchio deformante del noir grottesco; in questo caso finiscono per cedere alle tentazioni del buonismo e alle scorciatoie del reducismo, ma non prima di avere fissato sullo schermo il viaggio picaresco di un personaggio pour cause mastodontico. (...) Il volutamente sgangherato road-movie meriterebbe, in effetti, qualche scatto più sorprendente; tanto è vero che i suoi momenti più felici e incisivi coincidono con le intuizioni lunari e spiazzanti, le trovate estrose e irrituali (...) e soprattutto le esilaranti espressioni fuori fase di Depardieu, tenerissimo romantico travestito da maleodorante sballatone." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 29 ottobre 2010)

"Guardate 'Mammuth' e non azzardatevi più a lamentarvi delle riforme pensionistiche degli ultimi 20 anni in Italia. (...) Ma Benoît Delépine e Gustave Kervern, dopo 'Louise-Michel', questa volta il lavoro lo prendono come pretesto per un on the road su un Mammut d'epoca di un bonaccione capellone e sovrappeso, ex lavoratore in un'industria di carne suina. (...) Una favola su strada, che passa anche per il cugino con cui scoprì il sesso, i datori di lavoro più o meno infami e un centauro romantico che riconosce i motori da corsa dal solo rumore, una storia scalcagnata che prende forma sotto gli occhi dei registi che si assumono ogni sorta di rischio, soprattutto visivo: se a guardare la scena è lo spettatore, il taglio è moderno come il montaggio sempre originale, se è il fantasma di una donna amata l'immagine si sgrana come in un super8, mentre nel viaggio si può trovare e provare l'immagine anche in uno specchietto retrovisore. Delépine e Kervern mettono nello script e nei movimenti della macchina da presa tutta la loro voglia di rompere gli sche(r)mi, ma sempre con tanta voglia di tenerezza, condita da sana cattiveria. E così a questa perla che non segue regole, ma insegue un protagonista straripante, in tutti i sensi, viene perdonato anche quel finale (quasi) sdolcinato. Guardate e imparate. Ma tenetevi la moto." (Boris Sollazzo, 'Liberazione', 29 ottobre 2010)

"Strepitosa commedia 'on the road', surreale e grottesca, su rapporti umani ed etica del lavoro, interpretata da un magistrale Depardieu affiancato dalla brillante Yolande Moreau (la sua scena dello spelling telefonico all'addetto di un call center è da museo del cinema). Si ride come neanche nei cinepanettoni ma con un pizzico di malinconia. Di G. Kervern e B. Delépine con Gérard Depardieu." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 29 ottobre 2010)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy