La voce di Fantozzi

ITALIA - 2017
3/5
La voce di Fantozzi
Attraverso materiale originale e inedito, le testimonianze illuminanti dei più grandi protagonisti della scena italiana contemporanea, il punto di vista appassionato di specialisti e intellettuali, la testimonianza di compagni di strada e la partecipazione straordinaria dei personaggi dei film ancora in attività, in nuove scene, il film ripercorre la storia della maschera comica più popolare del cinema italiano, riletta da videoartisti e disegnatori contemporanei: un'icona che ha condizionato come nessun'altra anche l'immaginario, la cultura e il linguaggio di un intero Paese ed è entrata nell'Olimpo degli immortali insieme a Chaplin e Totò. Un doveroso omaggio al genio di Paolo Villaggio, artista unico, autore e clown rivoluzionario nel cinema, nella letteratura, nella televisione e nel linguaggio.
  • Colore: C
  • Genere: DOCUFILM
  • Produzione: DANIELE LIBURDI, MASSIMO MESCIA PER VOLUME, IN COLLABORAZIONE CON PEPPERPOT

RECENSIONE

di Gianfrancesco Iacono
I fantastici titoli di testa, nonostante si leggano nomi poco congrui per l’epoca in questione (Marco Travaglio e Fabio Volo), proseguono tallonando la goffa figura dell’impiegato più amato d’Italia, con tanto di immancabile basco, lungo i corridoi grigi e spenti della megaditta. La fotografia è quella: pieni anni ’70, poi compare lui: il Megadirettore (Paolo Volponi, una cascata di rughe ma che classe e che perfidia dirigenziale!). L’intervistatore chiede del compianto ragionier Fantozzi (ovviamente storpiato in “Bambocci”), e alle candide ammissioni del Megadirettore sulle raccomandazioni, sull’esistenza dell’Ufficio Ricatti, la risata si sprigiona liberatoria e tremolante. Un po’ di commozione è inevitabile.

La voce di Fantozzi è il titolo dell’appassionato documentario diretto da Mario Sesti e dedicato a Paolo Villaggio e al personaggio più celebre del grande comico genovese. Di stampo classico, - se si eccettuano, come sopra accennato, gli splendidi titoli di testa - l’opera è un ritratto vivace del Villaggio attore e del Fantozzi personaggio visto nel suo farsi. Numerosi e di rilievo i contributi: attori come Benigni e Lino Banfi, che ebbero modo di lavorare con Villaggio su set diversi dalle avventure fantozziane, scrittori e conduttori (Andrea Pinketts, Christian Raimo, Fiorello, Maurizio Costanzo), registi (Neri Parenti) sino a giungere a sociologi come Domenico De Masi, impegnati a mettere in risalto gli aspetti innovativi - nel modo di fare e di percepire il cinema, in un momento di profondi mutamenti della società italiana -  di cui la figura dello sfortunato ragioniere fu a suo modo artefice e portavoce.

In conclusione, questo sentito omaggio a Paolo Villaggio, recentemente scomparso, è anche l’ultimo progetto cinematografico a cui l’attore abbia lavorato e per il quale, prima della morte, aveva anche elaborato nuovi dialoghi  per conto di personaggi famosi come, appunto, il Megadirettore e la signora Pina, ancora una volta impersonata dalla generosa Milena Vukotic.

NOTE

- FILM RICONOSCIUTO DI INTERESSE CULTURALE CON IL CONTRIBUTO ECONOMICO DEL MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO-DIREZIONE GENERALE CINEMA.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy