LA RISAIA

ITALIA - 1956
Tra le mondine ingaggiate per il lavoro nella sua risaia, Pietro riconosce in Elena Fonti la propria figlia, nata dalla relazione con una donna ch'egli ha abbandonata, dopo averla sedotta. Pietro non ha il coraggio di rivelarsi alla figlia, ma cerca di proteggerla; l'interesse ch'egli mostra per la ragazza, viene però male interpretato dal di lui nipote Mario, un giovane scapestrato, che ne approfitta per tentare inutilmente d'insidiare Elena. Questa ha conosciuto in circostanze drammatiche un giovane meccanico, Gianni, e tra i due è nata una simpatia, che si trasforma ben presto in amore. Volendo aiutare Elena, Pietro fa offrire a Gianni una buona sistemazione; ma il giovane vede nella generosa proposta soltanto la prova di disonesti propositi e non solo rifiuta, ma si allontana da Elena. Questa, vivamente addolorata, avendo incontrato Pietro, lo invita a non occuparsi di lei. Terminati i lavori, le mondine, prima di ritornare ai loro paesi, danno un ballo sull'aia. Dopo il ballo Elena si ritira nel dormitorio: qui la segue Mario, che tenta di usarle violenza. Fra Pietro e Gianni è avvenuta intanto una spiegazione e i due si recano in cerca di Elena; udendo le grida della ragazza, che cerca di sottrarsi alle violenze di Mario, i due s'affrettano verso la baracca. Gianni si lancia contro Mario, che vigorosamente colpito, cade battendo la testa in malo modo e resta ucciso sul colpo. Pietro si rivela alla figlia e, resosi conto della situazione, si dichiara colpevole dell'involontario omicidio, permettendo così ai due giovani di sposarsi e di crearsi un'esistenza felice.

CAST

NOTE

FORMATO: FERRANIACOLOR

CRITICA

"(...) vuole essere una storia passionale che si svolge in un ambiente pittoresco che il Cinemascope e il colore rendono con sufficiente suggestione. Ma la trama e il dialogo prestano facilmente il fianco a vari appunti". (U. Tani, "Intermezzo", 3/4, 29/2/1956).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy