LA RAGAZZA DI MILLE MESI

ITALIA - 1961
Maurizio, disegnatore di modelli, a seguito di una grave delusione amorosa, decide di partire per l'Africa. La sua villa è chiesta in affitto da una signora che vuole nascondere agli occhi dei curiosi la propria figlia Didì che, a 20 anni, ha ancora il cervello di una bimba. Maurizio si innamora della ragazza e decide di sposarla, anche se la crede una bambina; ma a questo punto Didì gli svela che il suo è un trucco escogitato per non farlo partire. Allora Maurizio ne escogita una: si finge matto e, vestito da esploratore, spara su chiunque crede sia una belva (ed atterrisce così tutti coloro che lo avevano ingannato con la faccenda di Didì) poi, saputo che Didì s'è vergognata di quanto le hanno fatto fare, corre alla stazione e la raggiunge prima che parta.

CAST

NOTE

- RIEDITATO NEL 1964 COL TITOLO "TOGNAZZI E LA MINORENNE".

- AIUTO REGIA: MARIANO LAURENTI.

CRITICA

"E un film [...] vecchio stile, intentendo con ciò quel genere comico usato sul grossolano doppio senso, sulla smorfia del primattore [...]". (Vice, "Avanti!", 3/9/1961).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy