LA FIGLIA DI UN SOLDATO NON PIANGE MAI

A SOLDIER'S DAUGHTER NEVER CRIES

GRAN BRETAGNA, USA - 1998
LA FIGLIA DI UN SOLDATO NON PIANGE MAI
Una famiglia americana a Parigi tra anni '60 e '70: il padre Bill, scrittore di successo, la madre Marcella, espansiva ed affettuosa e la figlia Channe. Un giorno i genitori decidono di adottare Benoit, sei anni. Quando sente crescere intorno a sé affetto e tenerezza, Benoit chiede di essere chiamato Billy. Quando Channe è ormai adolescente Bill annuncia che la famiglia tornerà negli Stati Uniti a causa della sue cattive condizioni di salute. Trasferitisi sulla costa orientale, Bill, malato, cerca di finire il suo nuovo romanzo mentre Channe comincia ad uscire con un ragazzo, che presenta anche a casa. Il padre tenta di approfondire con lei l'argomento dei rapporti sessuali, ma la malattia avanza: un giorno invita Channe a leggere il diario che la madre di Billy scrisse mentre lo aspettava. Dopo la morte di Bill, Marcella consegna il diario a Billy, ma lui rifiuta di leggerlo e lo affida alla sorella. Ora che il suo padre americano è morto, Billy si sente veramente legato a lui e alla sua seconda famiglia.
  • Durata: 126'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: NORMALE/A COLORI
  • Tratto da: ROMANZO OMONIMO DI KAYLE JONES
  • Produzione: ISMAIL MERCHANT PER MERCHANT IVORY PRODUCTIONS
  • Distribuzione: CECCHI GORI DISTRIBUZIONE - CECCHI GORI HOME VIDEO.

NOTE

AUTRICE DEL LIBRO DA CUI E' TRATTO IL FILM E' LA FIGLIA DELL'AUTORE DI "DA QUI ALL'ETERNITA'"

CRITICA

"Sullo sfondo giganteggia questa figura di padre maestro e non padrone, autorevole e non autoritario, incoraggiante e appassionato, felicemente imperfetto. Una specie in via di estinzione, o più probabilmente estinta, ammesso che sia mai esistita altrove dall'ideale. Non esistono padri come questi nella realtà della cronaca: bisogna sognarli al cinema. Ivory ha finalmente messo il suo talento al servizio di una storia calda e viva, dopo i deliziosi quanto soporiferi polpettoni d'epoca sull'Arcadia altoborghese britannica." (Curzio Maltese).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy