LA CASA DI SABBIA E NEBBIA

HOUSE OF SAND AND FOG

USA - 2003
LA CASA DI SABBIA E NEBBIA
L'iraniano Massoud Amir Behrani una volta era ricco e potente. Emigrato in America con la famiglia in cerca di una vita migliore, dilapida buona parte dei suoi risparmi per trovare un buon marito per sua figlia Soraya. Acquista poi a un prezzo straciato una casa messa in vendita all'asta dalla Contea con l'intenzione di rivenderla a prezzo di mercato in breve tempo. Ma Kathy Lazaro, l'ex proprietaria della casa che l'ha persa per un errore burocratico, si batte con tutte le sue forze per non perdere la sua proprietà...
  • Altri titoli:
    LA CASA DELLA SABBIA E DELLA NEBBIA
  • Durata: 125'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Tratto da: ROMANZO DI ANDRE DUBUS III
  • Produzione: DREAMWORKS SKG, BISGROVE ENTERTAINMENT, COBALT MEDIA GROUP, MICHAEL LONDON PROD.
  • Distribuzione: NEXO (2004)
  • Data uscita 30 Gennaio 2004

NOTE

- PRESENTATO IN ANTEPRIMA ALLE GIORNATE PROFESSIONALI DI CINEMA 2003

CRITICA

"'La Casa di Sabbia e Nebbia' diretto dal regista di spot Vadim Perelman (immigrato in Usa da Kiev) e tratto dal best-seller di André Debus III, è una pellicola quasi perfetta. Per tre quarti dei 127 minuti fila tutto liscio: immagini splendide e personaggi complessi. Poi, da una scena cardine dell'ultimo atto, la pellicola diventa retorica come se Perelman perdesse il controllo di cinepresa e attori. Che peccato. Kathy è l'Occidente della decadenza, quello che ha il pane (è bellissima) ma non i denti. Behrani, seppur maschilista e nazionalista (odia gli americani), è un immigrato pieno di dignità. I difetti non mancano ad entrambi ma li amiamo perché il regista inquadra le loro ferite così a fondo che diventano anche le nostre. Prodotto e distribuito da Steven Spielberg, il film ha ottenuto tre nomination agli Oscar per Miglior attore (un Kingsley monumentale), Attrice non protagonista (Shohreh Aghdashloo, sopravvalutata come moglie di Behrani) e Colonna sonora. Il promettente Perelman farà il suo secondo film da 'Il talismano' di Stephen King. Non vediamo l'ora di vederlo." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 30 gennaio 2004)

"'Mi sono divertita tanto al cinema: ho pianto tanto'. La frase pronunciata in altri tempi dalle più sentimentali tra le spettatrici, si adatta bene al melodramma tratto dal best-seller di André Dubus III, candidato agli Oscar per il migliore attore protagonista e per il miglior ruolo femminile di supporto (...) Tirate fuori i fazzoletti. E perché no? Pur sapendo che il film ti sta ricattando, lo segui dalla prima all'ultima inquadratura. E ti diverti parecchio a piangere." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 31 gennaio 2004)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy