Iron Man

USA - 2008
Iron Man
Il milionario americano Tony Stark, proprietario delle Stark Industries e produttore di armi da guerra molto potenti, si reca in medio Oriente per presentare ai militari americani un nuovo, micidiale, missile. Mentre sta rientrando alla base, Stark resta vittima di un attacco da parte di terroristi che lo prendono in ostaggio. Nonostante le gravi ferite riportate, viene obbligato ad assemblare un missile per i suoi rapitori che, mettendo a sua disposizione un laboratorio e un assistente, il prigioniero Raza, non si rendono conto di avergli dato l'occasione per costruirsi un'armatura inattaccabile, dotata di lanciafiamme e in grado di mantenerlo in vita. Grazie alla sua creazione Stark riesce a liberarsi e a tornare in patria dove, una volta giunto, decide di interrompere la produzione di armi e utilizzare la sua nuova creazione, riveduta e migliorata, per difendere il mondo dai malvagi di turno.
  • Durata: 126'
  • Colore: C
  • Genere: AZIONE, DRAMMATICO, FANTASCIENZA, FANTASY
  • Specifiche tecniche: PANAVISION, SUPER 35 STAMPATO A 35 MM (1:2.35)
  • Tratto da: personaggio dei fumetti creato da Jack Kirby, Stan Lee, Don Heck e Larry Lieber
  • Produzione: AVI ARAD PER MARVEL ENTERPRISES
  • Distribuzione: UNIVERSAL
  • Data uscita 1 Maggio 2008

TRAILER

RECENSIONE

di Valerio Sammarco
Anima e ferro. Il magnate Tony Stark, industriale miliardario e geniale inventore, direttore generale delle Industrie Stark, prime fornitrici di armi per il governo americano, subisce un attentato durante un sopralluogo in Afghanistan per testare nuovi missili: rapito da pericolosi combattenti e costretto a costruire per loro le potentissime armi, sfrutta l'aiuto di un altro prigioniero e grazie al suo ingegno mette a punto un'armatura che gli permette di fuggire. L'esperienza vissuta lo convince ad un cambiamento di rotta per quello che riguarda la produzione della sua azienda e comincia a dedicarsi al perfezionamento della sua ultima invenzione. Il mondo intero d'ora in poi avrà un nuovo supereroe: Iron Man.
Nato dalla fantasia di Stan Lee (ovviamente presente con il solito cammeo, stavolta nei panni di un sosia del fondatore di "Playboy", Hugh Hefner...), Jack Kirby, Larry Lieber e Don Heck nel lontano 1963, Iron Man è l'ultimo personaggio della Marvel in ordine di tempo ad approdare sugli schermi: l'eccentrico Tony Stark non poteva trovare miglior caratterizzazione di quella fornita da Robert Downey Jr., perfetto quando si tratta di gigioneggiare e totalmente a suo agio tanto con le donne quanto con gli ultimi ritrovati della scienza tecnologica. E' proprio questa - oltre la componente fumettistica e spettacolare (onore al merito per la ricostruzione pressoché identica dell'armatura rosso oro disegnata da Adi Granov) - l'arma vincente di un prodotto che, diretto dal non fenomenale Jon Favreau, plasma a proprio piacimento la materia prima ma non ne compromette la natura, garantendo quasi sempre divertimento e azione.

Per la recensione completa leggi il numero di maggio della Rivista del Cinematografo

NOTE

- STAN LEE FIGURA TRA I PRODUTTORI ESECUTIVI.

- ALLA FINE DEI TITOLI DI CODA E' STATA INSERITA UNA SEQUENZA CON UN CAMMEO DI SAMUEL L. JACKSON NEI PANNI DI NICK FURY.

- CANDIDATO ALL'OSCAR 2009 PER I MIGLIORI EFFETTI VISIVI.

CRITICA

"'Iron man' è l'anno zero del cinefumetto riesploso a Hollywood da dieci anni. La Marvel, ora indipendente dagli studios, cambia musica per il suo storico fumetto firmato Stan Lee. L'Afghanistan è un paese fuori controllo, l'eroe all'inizio 'Garante degli interessi dell'America nel mondo' decide di non costruire più armi ed entra in conflitto con l'esercito avendo come alleati un militare che è la bella copia di Colin Powell (epurato da Bush) e una segretaria liberal (incantevole Gwyneth Paltrow). Il vero asse del male è guidato da un affarista amico di Stark. Film divertente, leggero e pensante. La parola "hippie" ricorre spesso nel copione. L'ex alcolizzato e drogato Downey Jr. sa incarnare come nessun altro l'ironia di Iron Man, supereroe della contestazione." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 30 aprile 2008)

"L'avventura è divertente perché non si basa solo su effetti speciali digitali, certo portentosi con le stimmate da robot nella scatenata parte finale, ma lavora anche con una buona sceneggiatura collettiva di cui l'autore Jon Favreau, valorizza i lati ingenui da Jekyll, senza tralasciare qualche messaggio di Obama contro il bellicismo di Bush e armi di distruzione paralizzanti. Non è il puro intrattenimento Marvel come vorrebbe il marketing: difatti muta ed evolve il rozzo anticomunismo del fumetto anni '60, facendone un playboy di garbo e di dubbio che Downey non più tanto jr. recita con una vigorosa ironia, avendo assicurato che nessuno meglio di lui, senza cercare negli istituti psichiatrici, poteva fare Iron man, questo robot rosso ed oro al titanio che se la prende con micidiali armi e micidiali bugie. Lui può: yes, he can." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 1 maggio 2008)

"Stavolta è scesa in campo direttamente la Marvel Comics in veste di produttore cinematografico per reinventare sullo schermo uno dei supereroi creati dal suo autore di punta, il geniale Stan Lee. (...) Il fumetto creato da Lee negli anni Sessanta viene sottoposto a un ruffiano aggiornamento politicamente corretto innestando uno degli scenari bellici di maggiore drammatica attualità. Il risultato è un film noioso nella prima parte e un action movie fantascientifico come tanti nella seconda. Il regista e sceneggiatore Jon Favreau si preoccupa più di nobilitare un prototipo della cultura di massa con messaggi pacifisti anti-Bush che di sperimentare le potenzialità visive del personaggio di carta. A poco servono gli effetti digitali che culminano nella sfida tra i due robot rivali e l'ironia di Robert Downey jr." (Alberto Castellano, 'Il Mattino', 3 maggio 2008)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy