Innamorarsi

Falling in Love

USA - 1984
Innamorarsi
Frank e Molly, alla vigilia di Natale, si incontrano casualmente alla libreria Rizzoli di New York. Si rivedono per qualche mattina sul treno che dai sobborghi del New Jersey li trasporta nella grande metropoli: lui, ingegnere, vi sta seguendo la costruzione di un grattacielo, lei, disegnatrice pubblicitaria, vi si reca in visita al padre ammalato. Alle spalle hanno ambedue una famiglia apparentemente tranquilla, lui con moglie e due figli, lei è sola con il marito. Dal prevedibile incontro ogni successiva occasione non può andare che in una scontata e prevedibile direzione: dalla simpatia iniziale, allo star bene insieme, all'innamoramento. Arrivano fino alla camera da letto, ma lei si pente e torna indietro. I rapporti nelle rispettive famiglie comunque si guastano ugualmente; lui rompe l'imbarazzante situazione accogliendo la proposta di un lavoro a Huston. Ma l'anno dopo, sempre casualmente, sempre alla vigilia di Natale, sempre nella libreria Rizzoli si ritrovano un'altra volta: si salutano da "vecchi" e cari amici; ma poi sul solito treno che avrebbe dovuto separarli definitivamente, si incontrano ancora e questa volta per non lasciarsi più.
  • Durata: 102'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, SENTIMENTALE
  • Specifiche tecniche: 35 MM, PANAVISION, TECHNICOLOR
  • Produzione: MARVIN WORTH PER PARAMOUNT PICTURES
  • Distribuzione: UIP (1985) - VHS: CIC VIDEO

NOTE

- PREMIO DAVID DI DONATELLO 1985 A MERYL STREEP COME MIGLIORE ATTRICE STRANIERA.

CRITICA

"Un film fatto di niente, con i due divi impegnati in una storia convenzionale. Ma una regia di classe lo rende superiore alla media. Da vedere". ("Magazine tv")

"Un film del genere non avrebbe certamente retto al confronto con il pubblico se non avesse potuto contare su due interpreti eccellenti: Robert De Niro e Meryl Streep. Una storia romantica che assume contorni da capolavoro per merito di due attori in stato di grazia. Da registrare". ("Teletutto")

"Ulu Grosbard lavora di fino su un copione che punta, non senza astuzia e con una bella dose di ipocrisia, le sue carte sulla banalità quotidiana. Che cosa ci fanno due superstars in una novella da rotocalco per signora?" ("Telesette")

"Per quanto l'assunto non sia giustificato e quindi imponga riserve, il film è accettabile perché ricco di spontaneità". ("Famiglia tv")

"Torna sullo schermo col titolo rifatto e più lacrimoso che mai, il celebre 'Breve incontro', il più sentimentale fra i melodrammi immortalato dal tandem Howard-Johnson nel '45 e ripresentato dal duetto Burton-Loren trent'anni dopo. Astuto, elegante, ben recitato, cinico quanto basta e più ipocrita di un necrologio. Fazzoletti a portata di naso per arginare i lucciconi in agguato". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 14 febbraio 2001)

"La storia è ovvia, le reazioni dei personaggi pure, ma la Streep e De Niro sono al meglio e la nascita della loro passione di mezza età descritta con apprezzabili sfumature". (Giorgio Carbone, 'Libero', 14 febbraio 2001)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy