GRAN BOLLITO

ITALIA - 1977
GRAN BOLLITO
Lea, matura donna napoletana che gestisce un botteghino del Lotto in una città del Nord, ha avuto tredici figli, ma tutti, tranne uno, le sono morti per aborto o dopo pochi mesi di vita. L'unico sopravvissuto, Michele, viene da lei accudito con affetto morboso: è convinta di averlo sottratto alla Morte patteggiando con lei, così non è disposta a cederlo né alla Patria, né a un'altra donna. Quando Michele, si fidanza con una graziosa maestra di ballo, la madre, per scongiurare il suo distacco, fa un nuovo sacrificio alla Morte, sopprimendo tre amiche zitellone, da cui ricava sapone e biscotti. Giunge, per suo figlio, il richiamo alle armi: per farlo tornare, Lea vorrebbe moltiplicare i suoi riti sacrificali, prendendo di mira, stavolta, una servetta muta e l'odiata ragazza di Michele. I carabinieri la fermeranno in tempo.
  • Altri titoli:
    LA SIGNORA DEGLI ORRORI
    BLACK JOURNAL
  • Durata: 115'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, PSICOLOGICO
  • Specifiche tecniche: VISTAVISION, TECHNOSPES, EASTMANCOLOR
  • Produzione: ALESSANDRA RICCARDI INFASCELLI PER TRIANGOLO FILM
  • Distribuzione: P.A.C. - CENTER VIDEO
  • Vietato 14

NOTE

- SHELLEY WINTERS E' DOPPIATA DA REGINA BIANCHI.

CRITICA

"Tratta, come avverte una didascalia iniziale - ' da avvenimenti realmente accaduti in America, in Egitto e in Italia', ma ispirata, in realtà, soprattutto alla cosiddetta saponificatrice di Correggio, ovvero Leonarda Cianciulli, la vicenda' - prosegue la suddetta didascalia - 'è la favola dell'umanità, che nella storia si realizza attraverso mostruosi massacri subito dimenticati'. L'ambizioso proposito - trasformare un episodio di follia e di superstizione in apologo universale - non trova riscontro nel film così come Bolognini e i suoi collaboratori lo hanno realizzato. Se possiamo ammirare il gusto della ricostruzione ambientale, l'ottima fotografia e l'impeccabile mestiere degli attori, assai più arduo è attribuire, alla macabra storia, quel significato di riflessione 'sul mistero della follia non individuale ma collettiva' che era nelle loro intenzioni." (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 84, 1978)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy