Gli altri, gli altri e noi

ITALIA - 1967
Antonio, giovane operaio e affettuoso marito, giunge a Roma con la speranza di un impiego. Pieno di buona volontà, trova lavoro come cameriere in un ristorante, ma è costretto a fuggire per le poco corrette attenzioni della proprietaria del locale. Si adatta allora a fare da culturista nel corso di un ricevimento in una casa signorile, ma finisce per servire unicamente alla stravagante beffa di un bulletto. Tenta la carriera del parrucchiere per signora, ma suscita le ire e le persecuzioni dell'ambiguo reuccio del locale. Sgobba come facchino presso una grossa ditta di spedizioni, ma viene bocciato dallo psicologo idiota che presiede alla scelta del personale. Si impegna per la propaganda d'una perfettissima lavatrice elettrica, ma ottiene soltanto lo sfruttamento delle sue dimostrazioni pratiche da parte delle massaie di tutta la zona. Quando, vergognoso e disperato, si rifugia in un dormitorio per disoccupati, trova finalmente un impiego da guardia notturna. Nel corso della sua prima notte di guardia, la notte di capodanno, si salva a stento dal lancio dei cocci, ma nella sua fiammante divisa è finalmente felice.

CAST

NOTE

- MAURIZIO ARENA HA FIRMATO IL FILM CON IL SUO VERO NOME: MAURIZIO DI LORENZO.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy