Edison City

Edison

GRAN BRETAGNA - 2005
Edison City
Un giovane giornalista scopre un giro di poliziotti corrotti. Decide di indagare sulla vicenda ma ha bisogno di aiuto, così si rivolge ad un vecchio reporter e ad un brillante investigatore.
  • Durata: 97'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, THRILLER
  • Produzione: EMMETT/FURLA FILMS, MILLENIUM FILMS, VIP 3 MEDIENFONDS
  • Distribuzione: WARNER BROS. ITALIA
  • Data uscita 11 Novembre 2005

RECENSIONE

di Valerio Sammarco
Un giornalista imberbe (Justin Timberlake) animato dal fuoco della verità, un fotoreporter pluripremiato (Morgan Freeman) ora direttore di un piccolo giornalino locale, un massiccio agente speciale (LL Cool J) della F.R.A.T - First Response Assault & Tactical - unità di polizia più elitaria della cittadina di Edison, non proprio convinto dei metodi e della condotta dei suoi colleghi, un veterano (Kevin Spacey) della Squadra Investigativa consapevole della reale corruzione interna alla F.R.A.T. Da una brutta operazione antidroga, ecco partire l'inchiesta che – contro tutto e tutti – proverà a smascherare definitivamente il marcio di una città apparentemente perfetta. Primo lungometraggio diretto dallo sceneggiatore e regista televisivo David J. Burke (Law & Order: Special Victims Unit), Edison City è figlio naturale dell'intero filone facente capo alle più o meno avvincenti serie tv statunitensi degli ultimi cinque dieci anni: il poliziesco nella sua natura più torbida, l'orgoglio civico come molla verso una giustizia non solo di facciata perdono presa non appena il copione inizia a farsi ridondante, asservito ai voleri di un ideale pubblico "pantofolaio", capace (?) di esaltarsi di fronte a qualche scazzottata punitiva o improbabili sparatorie (vedi il finale). La morale di partenza - indubbiamente nobile ma cinematograficamente vecchia - non lascia speranze nemmeno ad un cast sulla carta vincente, obbligando Morgan Freeman e Kevin Spacey a niente di più che un semplice compitino. Il titolo del film - e la conseguente città immaginaria in cui tutto si svolge - nasce da un'intuizione a dir poco bislacca dello stesso Burke: "il nome Edison  fa pensare a Thomas Edison e alle immagini dell'elettricità, dell'industria, tutti concetti che volevo suggerire nel film". Un vero genio, non c'è che dire.  

CRITICA

"Tra Timberlake e sturm und drang David J.Burke, esperto di cinema ma non di regìa, prepara per il debutto produttivo di Andrea Leone, figlio di Sergio, un banchetto con tutti i luoghi comuni del poliziesco americano: gli agenti corrotti dei corpi speciali, le leggi ad personam, il giornalista idealista che vuole pubblicare la verità, tutta la verità, nient' altro che la verità. In più, per buon peso, la solita ragazza che ci rimette quasi le penne, un losco che diventa angelo, il sadico dell' agenzia investigativa che alla fine paga tutto. Padrini e padroni, sogni e incubi, ostaggi e agguati, dialogo che, dopo un avvio sostenuto, sceglie il ridicolo: da quando il cattivo butta lì uno sturm und drang si capisce che non ha scampo. Edison è il nome di questa città apologo, come la Mahagonny di Brecht e Weill. Cast ricco mi ci ficco: ci sono due buoni doc., Freeman e Spacey, ma la star in ascesa è il cantante Justin Timberlake." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 12 novembre 2005)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy