DUE MOGLI SONO TROPPE

ITALIA, GRAN BRETAGNA - 1950
David Fry, un inglese, che ha partecipato alla guerra in Italia col grado di sergente, decide di visitare con la sua giovane sposa Venezia e Roma. Dopo un viaggio, che la balordaggine dell'ex sergente ha reso disagiato, i due sposi non vanno a Venezia e giunti a Roma, vengono imbarcati per sbaglio sul treno di Cassino. Durante la guerra l'ex sergente è capitato casualmente a Poppi del Sangro. Le circostanze hanno fatto sì che vi entrasse per primo e solo e vi fosse accolto trionfalmente come eroe liberatore: quest'episodio è per David un tema di conversazione inesauribile. Tornato ora a Poppi, David viene salutato festosamente dalla famiglia Maggini, che durante la guerra l'ha ospitato, ma quando l'ex sergente presenta la sua giovane sposa, Catharine, la scena cambia: i Maggini sostengono che alla fine della guerra David ha sposato la loro figliola Rosina, dalla quale ha avuto un figlio. Il povero ex sergente cade dalle nuvole, Catharine, credendosi tradita, scappa via. Dopo agitazioni e contrasti il penoso equivoco si spiega. Durante la guerra Rosina è stata l'amante d'un giovane del paese, Rocco, portato via dai tedeschi: essa ha inventato il matrimonio con l'inglese per giustificare la nascita di un bimbo. Ma poiché Rocco ritorna e sposa Rosina, tutto s'accomoda e la vicenda si chiude felicemente.

CAST

NOTE

CONSERVAZIONE NEGATIVO ALLA CINETECA NAZIONALE.

LE MUSICHE SONO DIRETTE DA JOHN HOLLINGSWORTH.

AIUTOREGISTA: FRANCO BRUSATI.

CRITICA

"Un passo falso di Camerini, dopo l'ottima riuscita de "Il brigante Musolino", passo falso probabilmente determinato da cause non tutte dipendenti dall'abilità e dalla buona volontà del regista. In un soggetto di scrso interesse e di scarsa attendibilità, gli attori si muovono e agiscono come possono. L'unico a posto è forse Kieron Moore, che altre volte, inceve, non ci aveva convinto". (A. Albertazzi, "Intermezzo", n. 17/18 del 30/9/1951).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy