DISPERATO ADDIO

ITALIA - 1955
Luisa, giovane infermiera, conosce all'ospedale due giovani medici, Andrea e Maurizio, che entrambi le fanno la corte. Ella contraccambia l'amore d'Andrea, più spigliato e sicuro di sé, e lo sposa. Andrea si è già affermato come valente chirurgo; ma la sua condotta, come marito, improntata a grande leggerezza, provoca il risentimento di Luisa, la quale di fronte ad un'ennesima prova d'infedeltà, abbandona la sua casa; poi mancandole il coraggio d'allontanarsi dalla città, si rifugia in casa di Maurizio. Questi lascia a sua disposizione l'appartamento, andando a dormire all'albergo. La mattina dopo Luisa ritorna a casa e dice al marito d'essere stata da una zia. Colta da un attacco d'appendicite, essa viene trasportata all'ospedale per essere operata: sotto l'influenza del narcotico ella rivela di aver passato la notte in casa di Maurizio. Malgrado i chiarimenti offerti da Luisa e dall'amico, Andrea, convinto dell'esistenza di una tresca, lascia la moglie e parte per l'America. Luisa, che aspetta un figlio, si ritira presso una zia in provincia, avendo dato alla luce un bambino, essa, che ha ripreso il suo mestiere d'infermiera, conduce col bambino, presso la zia, una vita di stenti. Dopo alcuni anni, Luisa incomincia a soffrire di forti emicranie: la radiografia rivela l'esistenza di un tumore al cervello. La poveretta decide allora d'affidare il bambino al marito, che nel frattempo è tornato dall'America, e lo lascia infatti in casa di Andrea con una lettera. Ella ha deciso d'uccidersi, ma viene ritrovata presso la ferrovia e portata all'ospedale, dove Andrea, dopo un drammatico colloquio con Maurizio, tenta un difficile intervento chirurgico, che ha esito felice, Luisa guarisce: la pace e l'amore tornano a regnare nella casa dei coniugi riconciliati.
  • Genere: DRAMMATICO
  • Tratto da: DAI ROMANZI <> E <> DI ANDREA MAJOCCHI
  • Produzione: MAMBRETTI CINEMATOGRAFICA (MILANO)
  • Distribuzione: MAMBRETTI REGIONALE

CRITICA

<>. (U. Tani, <>, 11,15/6/1956).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy