Caro Michele

ITALIA - 1976
Adriana, ritiratasi in una casa colonica dei dintorni di Roma, vive accanto alle figlie gemelle; riceve ogni tanto la visita delle figlie Angelica e Viola; è separata dal marito Oreste. La morte improvvisa dello stesso non fa dimenticare Michele, giovane esule a Londra dopo le rivolte studentesche del '68, che intrattiene una nutrita corrispondenza con la madre Adriana, con le sorelle oppure con Osvaldo, un amico "particolare" anche se attualmente sposato con Ada. Un altro personaggio vivente nel ricordo di Michele è la stravagante Mara, calata da Varese, la quale ha avuto un figlio che attribuisce all'esule londinese, anche se, onestamente, dichiara che potrebbe essere d'altri casuali amanti. Mara irrompe, senza riuscire a risvegliarli, nel mondo dei familiari o amici di Michele; quindi si appiccica per breve tempo all'editore Colarosa; porta scompiglio nella famiglia tarantina dell'amica, la Ricciolona; ritorna vagabondando verso il Nord dopo che Michele è morto nel corso di una sommossa giovanile a Bruges.
  • Durata: 110'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA TECHNOSPES
  • Tratto da: romanzo omonimo di Natalia Ginzburg (ed. Mondadori)
  • Produzione: GIANNI HECHT LUCARI PER FLAG FILM
  • Distribuzione: CINERIZ - DOMOVIDEO, MONDADORI VIDEO (IL GRANDE CINEMA)

NOTE

- PREMIO DAVID 1977 PER MIGLIORE ATTRICE A MARIANGELA MELATO

CRITICA

"E' un film velatamente intimista, riflessivo e cupo, nel quale però un'eccessiva preoccupazione formale toglie vigore alla descrizione di un borghese che si scontra con il cambiamento dei tempi." (P.Mereghetti - 'Dizionario dei film')
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy