Biancaneve

Mirror, Mirror

USA - 2012
Alla morte dell'amatissimo Re, la perfida moglie prende il controllo del regno il cui trono spetterebbe alla bella principessa Biancaneve, allontanata dal palazzo anche per aver conquistato il cuore di un affascinante e ricco Principe. Nella foresta in cui viene abbandonata, Biancaneve trova rifugio presso sette nani ribelli e intraprendenti che l'aiuteranno a riconquistare il trono, a sconfiggere la Regina Cattiva e a coronare il sogno d'amore con il suo Principe.

CAST

NOTE

- EIKO ISHIOKA E' STATA CANDIDATA ALL'OSCAR 2013 PER I MIGLIORI COSTUMI.

CRITICA

"Non c'è dubbio che, con le labbra che si ritrova, la domanda giusta per Julia Roberts dovrebbe essere quella di Cappucetto Rosso: «Nonna, ma che bocca grande che hai...». Invece l''ex pretty woman' ha scelto la strega cattiva di Biancaneve in una divertente e spiritosa edizione diretta dal genio indiano del video clip Tarsem Singh, di cui era lecito, visto 'Immortals', non fidarsi gran che. Al contrario la rilettura della favola dei Grimm con cui Disney conquistò il primo Oscar nel '37, passata per versioni apocrife e porno, è piena di talento visivo, di trovate ironiche e scenografiche (...); e i costumi di Eiko Ishioka, scomparsa stilista giapponese, lasciano il segno nel pensiero debole. (...) Finale Bollywood per un'operazione riuscita in cui la Roberts è bravissima a virgolettare le perfidie che forse le chiede l'Europa, accanto al visino occupato dalle sopracciglia di Lily Collins che vorrebbe essere Audrey Hepburn. Quel che diverte sono i temi di oggi come la disuguaglianza sociale (il popolo indignato), l'ossessione faustiana della giovinezza, la questione dei sessi e la prevalenza della quota rosa e rosso sangue di fronte a un maschio belloccio e inerme, mentre sui nani devianti quindi esclusi incombe la maledizione dei diversi. Le cose serie sono sottopelle, non preoccupatevi, il film è un grande divertimento per gli occhi e promette stupori e meraviglie come un sogno in perfetto equilibrio tra Freud e Jung." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 6 aprile 2012)

"Nell'intento di ritrovare nel folkore germanico l'identità culturale del proprio paese, i fratelli Grimm hanno fatto un importante recupero di favole, divenute patrimonio comune e fonte di ispirazione per pensatori e artisti. Non solo occidentali, visto che adesso è un cineasta indiano, Tarsem Singh, a firmare questa ennesima versione di 'Biancaneve', assai poco fedele al racconto pubblicato dai Grimm nel 1812; e anche diversa dal capolavoro animato di Disney (1937), che già si era preso alcune libertà rispetto all'originale. (...) E, tuttavia, nonostante una sceneggiatura che resta in superficie, ci sono alcuni buoni motivi per cui il film si fa vedere. Intanto i costumi di Eiko Ishioka, la stilista del 'Dracula' di Coppola scomparsa circa due mesi fa; poi un'impaginazione fantasiosa e suggestiva che combina con gusto eterogenei elementi stilistici; alcune divertenti allusioni all'attualità (femminismo, default, cure di bellezza); e una Roberts piena di classe e di ironia nei panni della perfida regina, ben coadiuvata dal suo pavido lacchè Nathan Lane. Intanto in estate è in arrivo una versione fantasy-dark di 'Biancaneve' con Charlize Theron nel ruolo di Grimilde; e, visto che si annunciano anche nuovi adattamenti di 'La bella e la bestia' e 'La bella addormentata', una volta o l'altra bisognerà riflettere sul perché dell'improvviso fiorire sullo schermo di tutte queste favole per adulti." (Alessandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 6 aprile 2012)

"Filtrato dai suoi occhi, e da una brutta sceneggiatura di Marc Klein e Jason Keller ('Machine Gun Preacher') il racconto popolare dei Grimm, diventa meno la storia di 'Biancaneve', o quella della sua perfida matrigna (come vorrebbe il copione), che un omaggio appassionato alle architetture fantastiche della costumista giapponese Eiko Ishioka (...) e ai set iperlisergici di Tom Foden, grazie ai quali il palazzo di Grimilde e foresta dei sette nani sembrano appartenere a una nuova versione del paese delle meraviglia di Alice. Il volto ammiccante di Julia Roberts/Grimilde, che spunta (come se stessero divorandola) da abiti meravigliosi rossi, verdi e oro, da il tono del film - l'idea è quella del fairy tale «modern», picaresco, arioso, alla 'The Princess Bride', ma spesso 'Mirror Mirror' scivola nel territorio più greve, forzatamente autoironico di 'Shrek'. Tarsem non ha nessun interesse per il mistero di questa fiaba. I colori vagamente somiglianti a quelli della 'Snow White' di Walt Disney, Lily Collins (figlia dell'ex Genesis Phil) è giudiziosa, piena di risorse, abile di spada e un po' insipida. Armie Hammer (i gemelli Winklewoss in 'Social Network') è bello come un principe delle fiabe e, come ogni principe delle fiabe, altrettanto impacciato. Ma non importa, perché in questa versione 'femminista' di 'Biancaneve', è la principessa a dare il bacio che rompe l'incantesimo e salva il futuro sposo dalle grinfie della regina. Bella l'idea dei sette nani che, con l'aiuto dei trampoli, si trasformano in pericolosi briganti neri, in una bianchissima foresta di betulle coperta di neve." (Giulia D'Agnolo Vallan, 'Il Manifesto', 6 aprile 2012)

"Non pensate alla Biancaneve disneyana. Qui si pesca da una versione poco battuta dagli sceneggiatori, con nani malfattori ed una regina che bada si all'aspetto fisico ma soprattutto al potere. Certo, ci sarebbero anche la protagonista acclarata che da pallida ingenua impara a menar di spada ed un principe azzurro cascamorto. Aggiungete sfarzo quasi in versione Bollywood e qualche azzeccata battuta sulle favole per ottenere un titolo decisamente insolito. Con la ciliegina di una strepitosa Julia Roberts." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 6 aprile 2012)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy