Amori miei

ITALIA - 1978
Annalisa (Anna per lui) ama intensamente il marito Marco, giornalista, che troppo preso dal lavoro per poterla ricambiare, la invita ad amarlo ... al cinquanta per cento. Anna lo prende in parola e, detto fatto, sposa anche un altro uomo, il professore di psicologia Antonio, per il quale è Lisa. Inventatasi un lavoro a Milano, che la costringe ad assentarsi da Roma tre giorni la settimana, Annalisa riesce a dividersi felicemente tra i suoi due mariti. Un giorno, però, scopre di essere incinta. Chi sarà mai il padre? Poiché la prova medica cui ha convinto i suoi uomini a sottoporsi, non scioglie i suoi dubbi, Annalisa fa in modo che Marco e Antonio possano incontrarsi e conoscersi: ella spera che essi diventino amici e, chissà, finiscano per accettare l'insolito ménage à trois. Amici i due uomini lo diventano: a tal punto da spartirsi la stessa sgualdrinella. Annalisa, però, scopre i loro adulteri, per cui li pianta entrambi. La sgualdrinella e la natura che rende Annalisa madre di due gemelli, faranno sì che, alla fine, tutto si accomodi secondo il primitivo desiderio della donna.

CAST

NOTE

- DAVID DI DONATELLO 1979 PER MIGLIORE ATTRICE A MONICA VITTI.

CRITICA

Una commedia degli equivoci diretta e in terpretata da specialisti. Ma il gusto "retro" è tale da non potersi più neanche definire "gusto". E' soltanto archeologia. (Francesco Mininni, Magazine italiano tv).
Trascrizione dell'omonima commedia di Fiastri il film trae dal classico tema del "triangolo", qui riproposto con una significativa variante, motivo per una satira del maschilismo non nuova nella sostanza ma indubbiamente efficace nella forma. (Segnalazione cinematografiche)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy