Alla scoperta di Charlie

King of California

MESSICO, USA - 2007
Alla scoperta di Charlie
L'adolescente Miranda è cresciuta in fretta. Abbandonata dalla madre e con il padre, Charlie, rinchiuso in una clinica psichiatrica, a soli sedici anni la ragazza è stata costretta a lasciare gli studi e cercare un lavoro per mantenersi. Quando Charlie viene dimesso dall'ospedale, l'esistenza di Miranda viene messa ancora una volta a soqquadro. Poiché il padre è convinto di essere sulle tracce di un tesoro nascosto, lei dovrà farsi assumere nel centro commerciale sotto cui lui è convinto si celi l'enorme fortuna, così da poter effettuare gli scavi durante l'orario di chiusura. Anche se scettica, Miranda accetta di seguire Charlie nel suo bizzarro progetto per non togliere a suo padre la speranza di realizzare un sogno.
  • Durata: 90'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:1.85)
  • Produzione: MILLENNIUM FILMS, MICHAEL LONDON PRODUCTIONS, LONE STAR FILM GROUP, KING OF CALIFORNIA PRODUCTIONS, EMMETT/FURLA FILMS
  • Distribuzione: MOVIEMAX (2008)
  • Data uscita 16 Maggio 2008

TRAILER

RECENSIONE

di Gianluca Arnone

Barba lunga e sguardo allucinato. Pare Robinson Crusoe, ma è Michael Douglas in una delle migliori performance della carriera. Uomo di mezza età affetto da sindrome bipolare e incontenibile gioia di vivere. Dimesso da un istituto psichiatrico, torna dalla figlia Miranda (Evan Rachel Wood), orfana di madre e armata di buona volontà, necessaria a mandare avanti la baracca. Se era vita grama, ora è rischio crollo. Accade invece che lo stravagante padre convinca la figlia dell’esistenza di un tesoro nascosto nelle segrete di un grande magazzino, e che alla fine della caccia a venire ritrovata sia proprio l’unità familiare. La Wood, troppo compassata, non è degna spalla del protagonista ma anche così Alla scoperta di Charlie mantiene il fascino di una commedia eccentrica sulla necessità di capirsi senza rinunciare ai sogni. Più di una suggestione da La tempesta di Shakespeare, che l’esordiente Cahill metabolizza senza drammi, intonando anzi un’opera sognante come un diario, ben fotografata, e punteggiata da uno score che mixa Jolie Holland e svagatezze musicali varie. Umorale più che narrativa. Leggera anche nella morale di fondo: che non sempre i matti sono da manicomio, né i tesori tutti quanti sepolti.

CRITICA

"Con una gran barba e il baluginìo di un'estrosa follia negli occhi, Douglas intona un ispirato duetto con l'emergente e straordinaria Evan Rachel Wood: e i due attori sono il buon motivo cui il delicato film vale la pena di essere visto." (Alessandra Levantesi, 'La Stampa', 16 maggio 2008)

"Un po' ovvio, ma servito con grazia." (Paolo D'Agostini, 'La Repubblica', 16 maggio 2008)

"La confortante commedia prodotta da Alexander Payne, il furbo autore indipendente di 'Sideways', è un inno ad una California bonariamente alternativa battuta da una coppia di avventurieri affiatati che ribaltano il cliché padre-figlia. Immaginate 'La leggenda del Re Pescatore' senza la potenza di Terry Gilliam e con un Douglas che gioca con il ricordo di "All'inseguimento della pietra verde". Gradevole. Soprattutto per i suoi fan." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 16 maggio 2008)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy