Al cuore si comanda

ITALIA - 2003
Al cuore si comanda
Se a trentanni non hai ancora trovato un marito forse puoi provare a prenderlo in affitto. In questo modo puoi avere tutto quello che ti serve, senza implicazioni sentimentali o sessuali. E' quanto prova a fare Lorenza che prepara rigorose scalette per Riccardo, trombettista che, essendo squattrinato accetta ma, si sente ben presto soffocare da un gioco che si rivela una prigione. Finchè Cupido, complice la luna, lancia il dardo che colpisce entrambi. Ma la felicità dura poco perchè il Destino fa sì che Lorenza incontri Giulio, dentista bello e affascinante, oltreche ricco, naturalmente! Liberarsi di Riccardo, vendicativo e imprevedibile, non sarà facile ma alla fine Lorenza riesce a realizzare le aspirazioni sue e di sua madre. Ma sente che le manca qualcosa, perche mai? Forse vale la pena di tentare la riconquista di Riccardo anche correndo il rischio di scoprire che lui non la ama più.
  • Altri titoli:
    Faccia da marito
  • Durata: 107'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Produzione: ACHAB FILM - MEDUSA FILM
  • Distribuzione: MEDUSA
  • Data uscita 21 Novembre 2003

CRITICA

"Commedia sentimentale che mira al tono sofisticato da film Usa anni '40, 'Al cuore si comanda' punta sul talento della Gerini, scanzonata e spontanea come tipica single d'oggi, che cerca marito, pregando Dio di non trovarlo." (Cinzia Romani, 'il Giornale Nuovo', 21 novembre 2003)

"Una commedia amorosa, 'Al cuore si comanda', ha scelto per il proprio debutto di regista Giovanni Morricone, figlio del famoso musicista Ennio Morricone, laurea in Scienze Politiche a Roma, master di regia e sceneggiatura alla Columbia University di New York, esperienze televisive nella direzione di cortometraggi e di varie puntate della soap-opera 'Un posto al sole'. (...) Il film aggraziato e brillante, non ancora sufficiente a dare la misura delle qualità del regista debuttante, acquista molto dalla presenza di Claudia Gerini: in questa attrice, la bellezza e naturalezza disinvolta si uniscono a una forza, a un'energia non frequenti, che in alcuni momenti diventano quasi minacciose, in altri momenti provvide e vitali." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 24 novembre 2003)

"L'esordio nella regia di Morricone jr è una miniserie in una puntata, telefonatissima, logorroica e prevedibile oltre ogni immaginazione umana. La sceneggiatura ha un'unica trovatina di base, si perde dopo dieci minuti e incastra gag a casaccio, appoggiandosi a una voce off che fa le battute sugli uomini le donne e i single. Favino fa quello che può (poco), e a un certo punto lo fanno pure cantare una canzone al pianobar (musiche degli altri due Morricone padre e figlio); la Gerini si agita penosamente, i comprimari sono insopportabili. Un disastro: meglio restare a casa a guardare 'Sex and the City', di cui questo è una versione puzzona, o telefonare a qualche amico che sa raccontare delle barzellette." (Emiliano Morreale, 'Film TV', 25 novembre 2003)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy