7 Sconosciuti a El Royale

Bad Times at the El Royale

USA - 2018
2/5
7 Sconosciuti a El Royale
Sette estranei, ognuno con un passato da nascondere e un segreto da proteggere, si incontrano all'El Royale sul lago Tahoe, un misterioso e fatiscente hotel al confine tra California e Nevada. La notte del loro incontro sarà un momento decisivo: tutti avranno un'ultima, fatidica possibilità di redenzione.
  • Durata: 120'
  • Colore: C
  • Genere: THRILLER
  • Specifiche tecniche: (1:2.35)
  • Produzione: DREW GODDARD, JEREMY LATCHAM PER TWENTIETH CENTURY FOX
  • Distribuzione: TWENTIETH CENTURY FOX
  • Vietato 14
  • Data uscita 25 Ottobre 2018

TRAILER

RECENSIONE

di Federico Pontiggia
Camera con noia. L’abbiamo già visto, e fatto (assai) meglio. Tutto qui. Da Quentin Tarantino, con The Hateful Eight, e dallo stesso Drew Goddard, con Quella casa nel bosco.

Sceneggiatore di qualche valore, una nomination agli Oscar per lo script di The Martian, Goddard dirige l’opera seconda 7 sconosciuti a El Royale senza alcuna novità degna di nota, a partire dall’impiego della pellicola (vedi Tarantino), e con più di qualche difetto degno di reprimenda: il ritmo è assente, la noia regna sovrana, e i miscast si sprecano, dal guru Chris Hemsworth, che ha i muscoli ma non il carisma, all’anodina se non atona Dakota Johnson.

Ma che racconta Bad Times at the El Royale, apertura della tredicesima Festa di Roma, dopo aver inaugurato il Fantastic Fest negli Usa e San Sebastian in Spagna?  Sette estranei, ognuno con segreti, bugie e omissis a iosa, si incontrano all’hotel eponimo, a cavallo tra California e Nevada: la notte buia e tempestosa come da copione non sarà consigliera, ma perigliosa assai, e l’input è una valigia piena di dollari nascosta sotto il pavimento di una camera.

Chi sono questi poco magnifici sette? Il prete – non prete Jeff Bridges, la silfide Cailee Spaeny, la canterina – tutti pezzi famosissimi, si dovesse mai rischiare - Cynthia Erivo, la sboccata Dakota, il capo setta Chris, il reduce del Vietnam Lewis Pullman, il venditore d’aspirapolvere Jon Hamm: li conosceremo meglio, senza che un filo d’interesse, un briciolo d’empatia, un “vediamo come va a finire” serpeggi in platea. Insomma, uno showdown senza show.

Bridges di gusto e sostanza, ma senza incantare, Hamm caduco, forse il migliore è Pullman, ma è una gara che non entusiasma: il bottino non vale il biglietto.

NOTE

- FILM D'APERTURA ALLA XIII EDIZIONE DELLA FESTA DEL CINEMA DI ROMA (2018).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy