The Neon Demon

Il delirio di onnipotenza di Nicolas Winding Refn. Che lascia il cinema per farsi "marchio", perché "la bellezza è tutto"...

7 giugno 2016
1,5/5
The Neon Demon
The Neon Demon

The Neon Demon – NWR. Si apre così, con un fondale di colori saturi e la martellante prima traccia dello score (notevolissimo) di Cliff Martinez l’attesa, nuova fatica di Nicolas Winding Refn, appunto NWR. Un logotipo, un’etichetta, una “marca”, da schiaffare sotto il titolo de film.

Dove finisce il gusto per la satira feroce e dove inizia la pericolosa deriva di una megalomania incontrollabile? È questa, più di ogni altra, la domanda che bisogna porsi di fronte ad un’opera simile. Perché nulla di quello che The Neon Demon vuole davvero “raccontare” non è già stato raccontato, e meglio, da altri cineasti. Si pensi, ad esempio, al Mulholland Drive di David Lynch, che proprio a Cannes (dove il film di Refn è stato perlopiù deriso), 15 anni fa, vinse il premio alla miglior regia.

Qui, poco importa, “l’allegoria” non è sulla vacuità e l’ipocrisia del mondo del cinema, ma sulla vacuità e sul cannibalismo del mondo della moda. Ma se il genio di Lynch riusciva a riempire in maniera dirompente quel vuoto, la maniera estetizzante di Refn non fa altro che rifletterne, amplificarne la portata. Un’eco infinita di horror vacui, un’escalation di frammenti con cui ricordarci quanto grande è il suo gusto di mostrarsi piuttosto che l’effettiva urgenza, necessità di mostrare. Un atto autoerotico e necrofilo – proprio come quello in cui si produce la truccatrice interpretata da Jena Malone – finalizzato alla solitudine.

Dov’è finita la lurida potenza di Pusher, dove si è perduta la follia “iconoclasta” di Bronson, dove si nasconde la gloriosa violenza di Valhalla Rising? Dov’è finito Nicolas Winding Refn? È come se dopo l’esagerato successo ottenuto con Drive, il regista danese (già con il successivo Only God Forgives) abbia perso il senso di un fare cinema che sta piano piano diventando solamente forma, in nome di quell’assioma “la bellezza è tutto” pronunciato dal fashion designer interpretato da Alessandro Nivola. Ma della sostanza, della storia di Jesse (Elle Fanning), sedicenne arrivata a Los Angeles con il sogno di diventare una top model, interessa davvero a qualcuno? Di certo non a chi le sta intorno (tranne forse ad un fotografo sfigato che naturalmente andrà in bianco), men che meno al regista, meno che mai allo spettatore.

L'attrice Elle Fanning con Nicolas Winding Refn

L’attrice Elle Fanning con Nicolas Winding Refn

Certo, è voluto, è tutto un “gioco attraverso il quale portare all’esasperazione un concetto che iperestetizzando la forma mira a destabilizzare l’oggetto della questione”… Ecchissenefrega? Come se già non bastassero i giochini con cui per anni Lars von Trier ha tentato di prendersi gioco di chi andava a vederlo. Almeno in quel caso c’era partito dall’inizio, ad anteporre la provocazione al cinema. Tu no, tu caro NWR ci avevi illusi che un altro cinema era possibile, che il ghigno di Bronson potesse sgretolare qualsiasi cosa. E invece eccoci qui, morti sanguinanti con un braccio penzoloni sul divano, ad assistere inermi a questo delirio di falsa onnipotenza. Divorati dalla noia in questo diorama senza uscita pieno di luci e musiche ipnotizzanti. Che si ripete, stanco, fino a quando, sazio, non rivomita il nostro stesso occhio.

Addio NWR, è stato bello finché è durato.

8
Lascia una recensione

avatar
8 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
8 Comment authors
ArusClaudio RachiniLunapiDante SerasiniLeonardo Palmigiani Recent comment authors
più nuovi più vecchi più votati
Rocky Horror
Ospite
Rocky Horror

Cosa si è fumato esattamente chi ha scritto quelle cagate?

CattivoTenente
Ospite
CattivoTenente

Anche se non è il suo miglior film non si può liquidare così TND…ricco di citazioni e di scene indimenticabili, un esercizio di stile che si presta a diverse chiavi di lettura, non ultima quella dell’ironia che invece latita completamente in questa recensione.

Enzo Spagnuolo
Ospite
Enzo Spagnuolo

recensione pessima.

Leonardo Palmigiani
Ospite
Leonardo Palmigiani

Piaciuto e molto. Tutto e in tutte le letture. Va guardato più di una volta e per chi lavora nel mondo dell ‘arte-politica-eros’ sarebbe un must.

Dante Serasini
Ospite
Dante Serasini

Fiaba senza lieto fine,il mondo della moda che si nutre di sé stesso.Film da vedere,colonna sonora splendida,anche se devo ammettere che NWR sta prendendo una brutta piega….

Lunapi
Ospite
Lunapi

Film orrendo. Bei colori però e belli anche i giochi di luce. Ma la trama? Uno si aspetta che succeda qualcosa e…ah…ok…ma proprio così? Un’esagerazione in tutto e per tutto. Il regista si è preso troppo sul serio. Peccato, la storia aveva del potenziale. Puma, necrofilia, cannibalismo, harakiri. Dai!! Bocciato.

Claudio Rachini
Ospite
Claudio Rachini

Il delirio di onnipotenza è in chi ha fatto sta recensione! Ho avuto l’ impressione di leggere il classico intellettuale di sinistra convinto che accostare paroloni ridondanti lo rendano una persona colta ed istruita. A me è piaciuto in tutti i suoi aspetti, e son riuscito pure a capirlo!

Arus
Ospite
Arus

capite un cazzo di cinema. Sfigati.

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy