The Hitcher

Dal cult-movie di Harmon un remake fuori tempo e senza idee. Sean Bean neanche lontano parente di Rutger Hauer

29 Maggio 2008
The Hitcher
The Hitcher

Da Non aprite quella porta in poi l’horror ad Hollywood è stato tutto un remake. Pure il fenomeno Saw, “rifatto” da Hostel nelle sue componenti di puro sadismo hard-gore, ha ceduto con i successivi episodi alla deriva “da riciclo”. Un’ipotesi di asfissia ideativa che The Hitcher di Meyers, dal cult-movie di Harmon, conferma. Lo script (nuovamente di Eric Red) è semplicissimo: una giovane coppia sta attraversando il deserto californiano quando s’imbatte in un autostoppista psicopatico che uccide tutti quelli che incontra. Oltre ad arrivare 22 anni dopo, quando nessuno più dà passaggi agli sconosciuti, sono pochi ma significativi gli elementi di contrasto tra archetipo e copia. Come l’ingresso di Sophia Bush accanto al protagonista maschile con disinnesco del sottotesto omoerotico. O la sostituzione del disturbante maniaco di Rutger Hauer con questo terminator nichilista (mal) impersonato da Sean Bean. La tensione del film dell’86 cede il passo a un grossolano dosaggio di shock, mentre la verosimiglianza viene “bucata” da una sceneggiatura stiracchiata e ridicola. Rimane l’assenza di spiegazioni. Ma tra il non voler dare risposte al pubblico e il non avere nulla da dire c’è una grossa differenza.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy