Un sogno chiamato Florida

Un ritratto tenero e puntuale di un sottoproletariato americano nascosto dietro una fragile facciata pop: Sean Baker a segno

21 Marzo 2018
3,5/5
Un sogno chiamato Florida
The Florida Project

The Florida Project (presentato prima alla Quinzaine e poi allo scorso festival di Torino) ci dice che Sean Baker ha un modo inquadrare il mondo tutto suo. Non apparentabile necessariamente con le nuove estetiche del realismo 2.0, caratterizzate dal movimento febbricitante di sempre più piccoli e maneggevoli dispositivi di ripresa. Il suo sguardo sull’infanzia – mentre adulti logorati tirano avanti la carretta come possono, un gruppo di bambini dà vita a fantasiose marachelle in un’estate trascorsa tra i motel colorati di Orlando, prima dell’immancabile risvolto drammatico – rivela una freschezza e un’originalità preziose.

Un andare dentro le cose che non rinuncia però a una visione d’insieme e più meditata sul microcosmo umano che ruota attorno a Disneyland (da quello “ospitato” nelle variopinte strutture alberghiere ai turisti di passaggio, dalla working class da terzo settore agli strampalati senza dimora), colto con osservazioni precise, puntellate da una costruzione della scena frontale e sorprendentemente geometrica.

 

Perfetta la direzione dei piccoli attori (menzione speciale per Brooklynn Kimberly Prince), scelti quasi tutti attraverso Instagram, anche se a tenere le fila è un disperante manager di motel interpretato da un ottimo Willem Dafoe (candidato all’Oscar come miglior attore protagonista).

Dopo Prince of Broadway e Tangerine, un’altra bella conferma per Sean Baker, che tra un omaggio ad Hal Roach (e a i suoi Little Rascalas) e un approccio narrativo strampalato e quasi burtoniano (ma dentro una cornice più squallida e de-fiabizzata) torna a mescolare documentarismo e finzione come metodo d’indagine dello spazio urbano e dell’odierno tessuto sociale americano. Ne viene fuori un film ricco di contrasti, di entusiasmi infantili e di rassegnazioni quotidiane, di ingenua poesia e di consapevole prosa. Un ritratto tenero e puntuale del nuovo sottoproletariato e dei suoi figli, appena camuffato sotto una fragile corazza pop.

Lascia una recensione

2 Commenti on "Un sogno chiamato Florida"

avatar
più nuovi più vecchi più votati
the sandman
Ospite

scusi ma qual è la valutazione del film? 3,5/5 o 3/4? Testo e grafica non corrispondono….marco

jojo
Ospite

Se lo scopo di Baker fosse quello di far odiare la stupidità di una certa umanità, in primis la protagonista, meriterebbe il massimo dei voti. Purtroppo invece si soffre di fronte ad una infanzia traviata

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy