Sono innamorato di Pippa Bacca

Toccante omaggio all’artista, stuprata e assassinata durante una performance in Turchia, il regista Manetti si conferma sensibile ai ritratti di personaggi ribelli

4 Marzo 2020
3/5
Sono innamorato di Pippa Bacca
Foto di Silvia Moro

Dopo il documentario Ciao amore, vado a combattere, dedicato a Chantal Ughi, campionessa di Thai Boxe, Simone Manetti si concentra nuovamente su un personaggio femminile ribelli, che rompe schemi e convenzioni imposte dalla società. L’eroina del suo secondo lungometraggio è presente sin dal titolo, che è più di una dichiarazione d’intenti. Sono innamorato di Pippa Bacca, insomma, è già tutto qui.

L’8 marzo 2008, insieme all’amica e collega Silvia Moro, Pippa partì da Milano alla volta di Gerusalemme in autostop, percorrendo i paesi sconvolti dalle guerre. Vestite da spose, le due volevano dimostrare che solo riponendo fiducia nel prossimo si può costruire la pace.

Una performance artistica e civile interrotta tragicamente con la morte di Pippa, stuprata e uccisa in Turchia da un uomo che le aveva dato un passaggio. La rievocazione di una tale biografia, lo capiamo, è a forte rischio di celebrazione retorica. Manetti la elude, intrecciando i materiali di repertorio (le riprese fatte dalle due spose in viaggio) con interviste alla stessa Moro, alle sorelle e alla mamma di Pippa Bacca.

La corale femminile ha l’obiettivo di restituire la complessità del progetto artistico. Lo fa seguendo di strade. Da una parte, si serve dei frammenti rivelatori dell’esperienza sul campo. Dall’altra, accarezza l’intimità di un lessico famigliare capace di offrire coordinate private utili a misurare il discorso pubblico.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy