Pinocchio

Metamorfico e polimorfo, il burattino di Matteo Garrone ha l'innocenza del bambino e lo stupore del fanciullino. Così come il film: per famiglie

12 Dicembre 2019
4/5
Pinocchio

Trasformista, metamorfico, polimorfo, il Pinocchio di Matteo Garrone rende giustizia alla lettera di Collodi, sfrondando le Avventure dei cascami di qualche altra trasposizione cinematografica: il burattino/bambino è come Alice nel paese delle meraviglie, solo che la meraviglia è lui, lui è il fanciullino, i suoi occhi i nostri, la sua altezza quella della camera, il suo incanto la nostra visione.

Con lui Garrone si conferma autore ma si prova – a differenza che quanto preteso in Tale of Tales – per la prima volta per famiglie, per grandi e piccini insieme, perché l’immaginazione trova immagini, e viceversa, affrancati da banalità e luoghi comuni e ricondotti a Collodi e Garrone stesso: realismo fantastico e fantasy realistico, ibridazione animale e umano, artigianalità a regola d’arte, effetti visivi umanisti.

Eccellente fotografia di Nicolaj Bruel, montaggio di Marco Spoletini, scenografie di Dimitri Capuani e costumi di Massimo Cantini Parrini, addirittura starordinario il lavoro di Mark Coullier, Prosthetic Make-up designer, e Pietro Scola Di Mambro, Concept Artist e Character designer, nonché gli effetti visivi di One of Us e Chromatica e la supervisione VFX di Massimo Cipollina: Pinocchio è fatto, sottolineo: fatto, della stessa sostanza di cui sono fatti i sogni, sogni materici, sostanziosi, calvinianamente pesanti.

Le lezioni americane di Garrone sono ancora una volta europee, c’è autorialità e artigianalità, c’è il richiamo alle nostre campagne, i borghi splendidi, i lavori e i colori della nostra italianità, della nostra civiltà. Poi, il burattino che volle farsi bambino (Fausto Ielapi, bravo), e per diventarlo deve prima sopravvivere, alla sua stessa curiosità, alla sua voglia di crescere, dunque necessità di sbagliare, e alla nostra, degli adulti volontà di ammazzarlo, impiccarlo o annegarlo: non si uccidono così anche i sogni?

E’ un inno alla gioia, in fondo, questo Pinocchio, un romanzo di formazione che deforma la realtà per scoprirne nel fantastico l’essenza più profonda: come sono il Corvo, la Civetta, il Grillo e Il Giudice? E la Lumaca, e il Tonno? E chi sono il Mangiafuoco Gigi Proietti, il Gatto (Rocco Papaleo) e la Volpe (Massimo Ceccherini, co-sceneggiatore con Garrone), il direttore del circo (Massimiliano Gallo) e l’Omino di burro (Nino Scardina), quali sono le minacce che portano al bambino? E che padre è, forse pavido e remissivo ma anche protettivo e innamorato, Geppetto, cui Benigni dà aspetto sofferto e comprensione affettuosa?

Pinocchio non ci dice nulla di nuovo, se non vogliamo considerare nuova l’aderenza filologica, ma ci mostra molto di bello, e dunque di inedito: se il primo privilegio di uomo è dare un nome alle cose, quello di un regista è dare un’immagine e un’immaginazione alle cose. E Garrone è un grande regista.

Lascia una recensione

6 Commenti on "Pinocchio"

avatar
più nuovi più vecchi più votati
Pierre
Ospite

Bellissima e immaginifica la tua sognata recensione. Grazie Federico

Paolo
Ospite
Un bel film che però non si avvicina al grande Pinocchio con Nino Manfredi. Le musiche non supportano le scene del film e in alcuni momenti risulta essere noiosa la visione. Il trucco è buono ma i burattini devono muoversi da burattini e non con quella disinvoltura umana. Un particolare in cui non ce stata attenzione del regista e quando Geppetto per comprere il libro a Pinocchio cede la giacca e uscendo dal negozio non accenna nemmeno un po al freddo pungente che un paesaggio innevato prevede. Sono particolari che nella versione con Manfredi non mancavano. Tra i personaggi buona… Leggi il resto »
Vieri Leidi Gardi
Ospite

Perfettamente d’accordo.

Vieri Leidi Gardi
Ospite

Perchè quattro stelle ? Scusa. Anche se originale, lontano anni luce dal Pinocchio di Comencini. Lo chiedo perchè da quando seguo le tue recensioni mi risultano quasi tutte riscontrabli.

Locchiodelcineasta
Ospite

Un film per i più piccoli che tratta della morte e della rinascita, qui il.pensiero completo: https://locchiodelcineasta.com/il-pinocchio-di-garrone-un-sollievo-morale-e-artistico/

Pierpaolo
Ospite

E’ migliore di quanto pensassi, ma per me Pinocchio sarà sempre quello di Comencini

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy