Io danzerò

La storia di Loie Fuller e della "serpentine" in un biopic tradizionale ma affascinante: in Un Certain Regard

13 Giugno 2017
3/5
Io danzerò

Scritto dalla regista Stéphanie Di Giusto con Sarah Thibau, in collaborazione con Thomas Bidegain, La Danseuse (Io danzerò) è la vera storia di Loie Fuller, una ragazzona nata nel grande ovest americano che sarebbe diventata la stella dei cabaret parigini della Belle Époque, dopo essersi inventata la danza della serpentine: nascondendosi sotto metri di tessuto leggero, le braccia prolungate da lunghi bastoncini di legno, grazie a un artificio di movimenti e luci, era ogni sera fiore, fuoco, farfalla. Ma l’amore per un’ambiziosa ballerina americana e la schiena che inizia a cedere sotto il peso di un’arte dolorosamente fisica, metteranno in pericolo la sua carriera.

L’accurata ricostruzione d’epoca (siamo ai primi del ‘900), il fascino di un personaggio femminile insieme fragile e indomito e la storia così particolare di una cowgirl goffa che arriva a ballare per l’Opera di Parigi sono i punti di forza di questa decorosa opera prima, impreziosita da un cast perfetto (a partire dalla protagonista, Soko) ed esaltata – alla faccia di quelli che pensano che l’arte sia roba da debosciati – dalle magnifiche e maceranti performance del personaggio.

Nulla di trascendentale, ben inteso, ma realizzato con mestiere e “sporcato” quel tanto che basta per non scivolare nella maniera.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy