Il primo re

Matteo Rovere alle origini del mito fondativo di Roma. Con un film-ufo nel panorama attuale della nostra cinematografia: tentativo non riuscito per intero, ma da difendere e sostenere

24 Gennaio 2019
3/5
Il primo re

“Un dio che può essere compreso non è un dio”. La citazione di William Somerset Maugham in esergo al film racchiude pienamente il senso dell’operazione compiuta da Matteo Rovere con Il primo re.

Ambizioso ben oltre le attuali possibilità del nostro cinema, realizzato con un budget di circa 9 milioni di euro in coproduzione con il Belgio, il film – superato l’impatto iniziale che rimanda inevitabilmente il pensiero a Grunt! di Andy Luotto e/o all’Attila flagello di Dio con Abatantuono & Co. – ci trasporta in territori non abituali, tenta la strada di una suggestiva e quanto mai ardita ibridazione tra l’estasi malickiana (La sottile linea rossa, The New World) e la macelleria gibsoniana (Apocalypto) per tornare alle origini del mito fondativo di Roma.

Due fratelli, Romolo (Alessio Lapice) e Remo (Alessandro Borghi), prima travolti da una spaventosa esondazione del Tevere, poi catturati dai guerrieri di Alba Longa. Capaci di liberarsi dal giogo della morte (o della schiavitù) con un altro manipolo di prigionieri, portano via con loro il fuoco sacro protetto da una misteriosa vestale (Tania Garribba). Romolo è ferito, moribondo. Remo è disposto a qualsiasi cosa pur di proteggerlo.

Saranno proprio gli dei, attraverso gli aruspici, a mettere in discussione quel legame fraterno così inossidabile: sul sangue di uno dei due sorgerà il nuovo Impero.

Dopo l’ottimo Veloce come il vento, Matteo Rovere alza ulteriormente l’asticella: girato completamente in esterna (tra le varie location il parco dei Monti Simbruini, dei monti Lucretili, il monte Cavo, il monte Ceraso, poi la riserva di Decima Malafede e del Circeo, il lago dei Monaci e la Riserva di Tor Caldara) e in formato anamorfico, solamente con luci naturali (alla fotografia Daniele Ciprì), Il primo re è un lancio senza paracadute nel fango e nelle marrane dell’VIII secolo avanti Cristo: l’unico volto noto è quello di Alessandro Borghi (chiamato ad un’altra prova di resistenza fisica dopo Sulla mia pelle), i pochi dialoghi sono recitati in protolatino, la volontà è quella di tornare alle viscere di un conflitto, tremendamente umano e ancora oggi attuale, quello tra il libero arbitrio e la sottomissione al volere del destino.

Quattordici mesi di postproduzione, una prima parte di grande respiro e campi lunghi, poi una progressiva chiusura nell’inospitale foresta dove ad emergere sarà la figura di Remo, sfidato, temuto infine scelto dal gruppo come leader carismatico di una rivolta che a breve assumerà i connotati dell’impresa.

Ma superstizioni ferine e vaticini di fede iniziano a minare l’unione tra i due fratelli, con Remo deciso a far prevalere il proprio amore, le proprie convinzioni, il proprio individualismo, a discapito del fato e della collettività.

Sfiorando solamente la “coattaggine” di prodotti mainstream come 300 ma lontano dall’epica nichilista di capolavori come Valhalla Rising, il film di Rovere si concede qualche riferimento pop (la vestale ricorda vagamente la Sacerdotessa Rossa del Trono di Spade) e qualche drone di troppo, non regge per intero le proprie ambizioni (poteva durare qualche minuto in meno) e fugge troppo presto dalla mischia di combattimenti cruenti che invece avrebbero potuto regalare ancora qualcosa in più in termini di spettacolo.

Ma resta comunque un tentativo, quello di Rovere, che seppur vinto solamente in parte, deve essere difeso e sostenuto. Perché il cinema italiano ha bisogno di prodotti di questo tipo, dove il coraggio della realizzazione si fonde con il talento dell’artigianato puro. Un cinema che non ha paura di sprofondare nelle fangosità di territori apparentemente sconosciuti, arcaici e ostili. Per riemergere e sferrare il proprio sorprendente attacco dinnanzi agli sguardi, attoniti, di un pubblico abituato alle solite commedie. O ai soliti “autori”.

6
Lascia una recensione

avatar
6 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
6 Comment authors
MaxCritico AbrasivoRoberto di vittorioGiordanoanna maria morsucci Recent comment authors
più nuovi più vecchi più votati
pietro zauli
Ospite
pietro zauli

A mio parere, invece il film è pienamente riuscito, unendo la spettacolarità delle battaglie, con una narrazione epica ed avvincente, intrisa di una sacralità primitiva. Merito anche della veracità del latino antico e delle luci naturali, così come degli attori, quasi pasoliniani e tutti ben caratterizzati. Con il giocattolone fumettistico e pacchiano di “300” non c’entra proprio nulla, e nemmeno con il delirante estetismo di Refn, affascinante ma privo di sostanza e significato, a differenza di questa opera. Piuttosto ricorda un Mel Gibson ma con quella misura più tipicamente da vecchio continente. Morale della favola: film italiani così (regista, cast,… Leggi il resto »

anna maria morsucci
Ospite
anna maria morsucci

caro valerio, mi sembra che tu ti sia perso qualcosa… il film è fatto benissimo ed erano anni che non si vedeva una cosa così in italia. Rovere è riuscito a rendere il senso della tragedia e a porre tutta una serie di quesiti esistenziali. Per non parlare della scelta di usare il latino. Veramente notevole.

Giordano
Ospite
Giordano

Anche secondo me la recensione è completamente fuori bersaglio. Il film per me è consigliatissimo, e non ha bisogno di essere sostenuto perché ha tentato: ha bisogno di essere sostenuto perché ci è riuscito.

Roberto di vittorio
Ospite
Roberto di vittorio

“fugge troppo presto dalla mischia di combattimenti cruenti che invece avrebbero potuto regalare ancora qualcosa in più in termini di spettacolo”. Ma sei sicuro di aver visto il film? Vi meritate i film di boldi e de sica a questo punto

Critico Abrasivo
Ospite
Critico Abrasivo

Condivido l’entusiasmo per il cinema storico-epico: vista la grama contemporaneità, rifugiarsi nelle gesta degli antichi, oltre che piacevole evasione, può essere spunto di discussione morale. Detto questo, il film è troppo tamarro, principalmente per due ragioni: il blob musicale di sottofondo ininterrotto che enfatizza gesta di per sé già abbastanza epiche e annacqua la forza delle atmosfere magiche della fotografia; i combattimenti, che, per quanto girati molto bene, sottraggono tempo e forza a un film sul mito di Romolo e Remo, e alla fine stufano. La ricostruzione storica a me sembra sbilanciata verso un immaginario neolitico/vichingo, emulato da opere cinematografiche… Leggi il resto »

Max
Ospite
Max

Dopo decenni di cazzate spaziali il nostro cinema tocca il fondo con il padre gay che fa outing (variante del trentennale figlio che fa outing a natale) interpretato non da attori ma da figli di attori defunti (come al solito)
E contemporaneamente vola verso gli antichi splendori con questo film fantastico

Non solo bello

Uno spartiacque che relega nel passato il cinema delle nullità.

Era ora

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy