Il caso Minamata

L'uomo con la macchina fotografica: la storia vera di Eugene Smith che documentò l’avvelenamento da mercurio in un villaggio giapponese. Corretto, senza guizzi. Su Sky e NOW

16 Settembre 2021
2,5/5
Il caso Minamata
MINAMATA (Horricks)

Difficile per Johnny Depp trovare un ruolo più calzante di W. Eugene Smith, il celebre fotoreporter che, al momento dei fatti narrati in Il caso Minamata, era ormai l’ombra di se stesso: alcolizzato, alla deriva, in polemica col mondo, con un grande passato alle spalle e il futuro come incognita.

La possibilità di una svolta gliela offre il direttore di Life (Bill Nighy, solito sornione): una trasferta nella città costiera giapponese di Minamata, devastata dall’avvelenamento da mercurio, risultato di decenni di inquinamento industriale da parte della Chisso Corporation, un’importante azienda chimica giapponese.

Stimolato dall’incarico, Smith si vota alla causa mettendosi a disposizione della comunità ed entrando in contatto pescatori del villaggio: le sue immagini potentissime racconteranno al mondo gli effetti catastrofici sulle persone e costituiranno una documentazione fondamentale non solo per testimoniare la tragedia ma anche per ottenere un risarcimento da parte della Chisso e dal governo giapponese.

L’uomo con la macchina fotografica è un uomo armato, lo sa Smith e lo sa il direttore: il loro è uno scontro destinato a soddisfare le esigenze di entrambi, con il comune obiettivo di restituire al più vasto pubblico possibile il segno della tragedia.

Johnny Depp

Il caso Minamata

Non a caso Il caso Minamata si chiude – spoiler? No, è storia – con una delle più iconiche fotografie del ventesimo secolo: Il bagno di Tomoko, che ritrae una ragazza, affetta dalla Malattia di Minamata (sindrome neurologica causata da intossicazione acuta da mercurio i cui sintomi includono atassia, parestesie alle mani e ai piedi, debolezza dei muscoli, indebolimento del campo visivo, danni all’udito e difficoltà nell’articolare le parole fino a disordine mentale, paralisi, coma e morte), lavata dalla madre nel bagno tradizionale.

Con la regia corretta ma priva di particolari guizzi di Andrew Levitas, è un film old style che si avvale della fotografia di Benoît Delhomme che guarda alle atmosfere dei thriller di denuncia e della colonna sonora di Ryuichi Sakamoto chiamata a punteggiare il versante emotivo della vicenda. Didascalico quanto basta, retorico il giusto, coinvolgente senza eccedere. Non solo Depp, che comunque ha l’intelligenza di non cannibalizzare il film offrendo una performance calibrata.

Lascia una recensione

1 Comment on "Il caso Minamata"

avatar
più nuovi più vecchi più votati
Carlo
Ospite

Perché un capolavoro di film come questo solo su Sky e non nei circuiti cinematografici da lasciare per giorni e giorni? Incomprensibile! Un film che ti colpisce al cuore per il soggetto che tratta ma anche per conoscere gli ultimi anni di un fotografo famoso e ricordarsi di quanto era magica la fotografia negli anni 70 fino all’avvento delle digitali …camera oscura, vaschette,ingranditori,negativi ..quanta nostalgia! Amiche e amici fotografi amici tutti ..un film assolutamente da vedere e con un Depp attore per me forse sottovalutato

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy