Francesco

Il papa "venuto dalla fine del mondo" e le sfide più urgenti della Chiesa contemporanea: un ritratto profondo e complesso, in anteprima mondiale alla Festa del Cinema di Roma

21 Ottobre 2020
3/5
Francesco

Difficile dimenticare l’immagine di Papa Francesco nella piazza San Pietro completamente vuota: la sua camminata faticosa, i candelabri che illuminano il sagrato, il selciato bagnato dalla pioggia, le sirene delle ambulanze in sottofondo. Erano i giorni più duri, noi chiusi in casa e i drammatici bollettini, e il pontefice pregava per la fine della pandemia da Coronavirus: c’era tutto il mondo, in quella piazza vuota, anche chi non crede.

Parte – e chiude – con questa immagine potentissima, Francesco, il documentario che Evgeny Afineevsky ha dedicato a Jorge Maria Bergoglio, il papa venuto dalla “fine del mondo”. E sceglie quel momento, un evento che fa già parte dei libri di storia, perché testimonia la sua capacità di dialogare oltre gli steccati, ascoltando e accogliendo anche chi non si riconosce nella religione cattolica.

È lui stesso a parlare, disponibile a restituire pezzi di un passato certamente noti ma che, attraverso la sua voce e le foto che lo ritraggono giovanissimo con la famiglia emigrata in Argentina, rivelano angolazioni inedite. Ma il passato dell’uomo destinato a diventare papa – compreso il ricordo degli anni culminati con la nomina a vescovo di Buenos Aires – è uno dei frammenti di un ritratto complesso e composito che si concentra sulla sua attenzione nei confronti degli ultimi del mondo.

Lo vediamo, coinvolto e turbato, che prega a Lampedusa per le vittime di una delle troppe tragedie del mare o che si commuove per i disegni dei bambini di Lesbo, ospitati con le famiglie in Vaticano. Un pontefice che si mette in cammino per toccare con mano il dolore, anche quando il dramma è vicino a casa (la visita nell’Arquata del Tronto distrutta dal terremoto: la sua figura con le macerie alle spalle è un’altra immagine di grandissimo impatto).

il regista Evgeny Afineevsky con Papa Francesco

E che, al contempo, utilizza Twitter per motivi pastorali, sempre con l’obiettivo di allargare e mai restringere, con umiltà, saggezza, generosità: d’altronde, diceva San Francesco, “Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura… e se necessario usate le parole”, come si legge in apertura.

Ma Francesco racconta anche i cambiamenti fondamentali di un pontificato che ha declinato la sua vicinanza ai più deboli e ai dimenticati prendendo posizioni diplomaticamente dirompenti come lo scontro con la Turchia sul genocidio armeno. Ma, soprattutto, il documentario riserva ampi spazi alla battaglia contro gli abusi sessuali nella Chiesa, dando voce alle vittime e focalizzandosi in particolare sul caso Karadima, caso esemplare della linea di Bergoglio nel trattare un tema minimizzato per troppo tempo. Una biografia stimolante e profonda, con i silenzi delle preghiere a unire le tessere del mosaico.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy