Weekend al cinema

In sala Romanzo di una strage, sull'attentato di Piazza Fontana. Vanzina augura Buona giornata, mentre Wortinghton deve contenere La furia dei titani
30 Marzo 2012
Weekend al cinema

Era il 12 dicembre del 1969 quando a Milano, alla Banca Nazionale dell’Agricoltura, esplose una bomba. Uccise 14 persone (poi salite a 17), ne ferì 88. Un attentato che sarebbe passato alla storia come la “strage di Piazza Fontana”mentre i suoi responsabili – anarchici? Neonazisti? Servizi segreti? – non sarebbero mai passati in giudicato: ad oggi, per la giustizia italiana, non ci sono responsabili. Romanzo di una strage, il film di Marco Tullio Giordana (La meglio gioventù) rievoca, ricostruisce, infine prova a “dire” una verità possibile su quel fatto di sangue che inaugurò di fatto la strategia della tensione in Italia. Lo fa muovendosi tra pubblico e privato, focalizzandosi sui protagonisti noti e meno noti di questa vicenda – da Aldo Moro a Giuseppe Pinelli, passando per il commissario Calabresi – e avvalendosi da un grande cast: Valerio Mastandrea è Calabresi, Favino è Pinelli; Gifuni Aldo Moro.
Di tutt’altro genere è l’altra novità tricolore del weekend, la commedia di Carlo Vanzina Buona giornata, con Diego Abatantuono, Christian De Sica, Vincenzo Salemme e Lino Banfi tra i protagonisti. Si tratta di un film a episodi, ambientato in diverse città italiane (Milano, Roma, Napoli, Verona, Firenze, Bari, Potenza) che racconta la cronaca di una giornata vissuta dalle figure dell’Italia di oggi: c’è un principe romano caduto in disgrazia (De Sica) che affitta il suo palazzo alle produzioni di fiction; un notaio napoletano (Salemme) la cui esistenza viene ravvivata dall’arrivo in famiglia di una collaboratrice domestica, l’affascinante Svetlana (Daria Baykalova);uno scaramantico tifoso della Fiorentina (Paolo Conticini) che decide di ritornare in trasferta a Verona per seguire la squadra del cuore; un senatore accusato di corruzione e abuso d‟ufficio (Banfi); un facoltoso imprenditore romano (Maurizio Mattioli) che riceve la soffiata di un’imminente perquisizione da parte della Guardia di Finanza; una manager siciliana (Teresa Mannino) coinvolta in una tragicomica giornata a causa di un imprevisto mentre viaggia in treno da Milano a Roma; un milanese (Diego Abatantuono) trapiantato in Puglia dopo il matrimonio che sta per assistere al probabile fallimento della sua ditta e cerca conforto nei suoi figli.
Batte bandiera francese invece la commedia di classe Il mio migliore incubo! di Anne Fontaine, in cui Isabelle Huppert interpreta un’algida esponente della upper class (è una gallerista) e Benoît Poelvoorde il muratore di cui finirà per invaghirsi, con tutti i battibecchi del caso. Risate e lacrime in salsa british: tutto questo al Marigold Hotel di John Madden, locato in India, dove un gruppo di pensionati britannici – tra i quali spiccano Maggie Smith, Bill Nighy, Judi Dench e Tom Wilkinson – decide di ritirarsi per un ristoro esotico ed economica India. Giunti sul posto, si renderanno conto che il nuovo ambiente è meno lussuoso di quanto avessero immaginato…
Dalla Polonia invece I colori della passione di Lech Majewski, un viaggio dentro l’epico capolavoro del maestro fiammingo Pieter Bruegel, La salita al Calvario (1564), accompagnati dalla narrazione dello stesso pittore, intento a catturare frammenti di vita di una dozzina di personaggi.Completa la lista delle uscite europee di questo weekend l’horror spagnolo Paranormal Xperience 3D di Sergi Vizcaino, protagonista una studentessa in psichiatria che non crede ai fenomeni paranormali. Dovrà ricredersi quando parteciperà a una gita fuori porta organizzata dal più eccentrico dei suoi professori.
Infine dagli States arriva La furia dei titani, sequel di Scontro tra titani, sempre diretto da Jonathan Liebesman e interpretato da Sam Worthington, nuovamente nei panni di Perseo, il semidio figlio di Zeus, che stavolta dovrà vedersela con Crono e i suoi piani di catturare di Zeus. Nel cast anche Liam Neeson, Ralph Fiennes e Gemma Arterton.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy