Venezia dà i numeri

+13% di biglietti staccati sul 2015, 3mila giornalisti accreditati e 510 proiezioni. E 130mila euro già raccolti per i terremotati
Venezia dà i numeri

“Sulla vendita dei biglietti registriamo al momento un +13% rispetto al 2015 che diventa un +30% rispetto al 2014”. Così il presidente della Biennale di Venezia, Paolo Baratta, traccia un primo bilancio positivo per la Mostra del Cinema, nel tradizionale pranzo con la stampa italiana ad una settimana dall’inizio del festival.

“Gli accreditati alla Mostra sono 7.700, di cui 3.000 sono accrediti stampa (due terzi italiani e un terzo internazionali) e 1.800 accrediti industry”, sottolinea il presidente. “Quest’anno la Mostra avrà un totale di 510 proiezioni e 5.800 posti a sedere nella diverse sale, ormai tutti rinnovati. La novità più bella è il successo riscosso dalla sezione Cinema in Giardino, grazie alla nuova sala ’Cubo Rosso’, che sta ottenendo un successo straordinario”, aggiunge.

“Per il terremoto la sola Biennale ha già raccolto oltre 130.000 euro, grazie agli incassi di una settimana della Biennale Architettura destinati a questa causa. Ma altri fondi stanno arrivando sul conto corrente che abbiamo aperto all’inizio della Mostra del Cinema e che ha visto il contributo anche di alcune star di cui naturalmente non posso fare i nomi”. Lo ha detto il presidente della Biennale di Venezia, Paolo Baratta, rispondendo ai giornalisti.

Baratta ha ricordato che “essendo prevista la partenza della Mostra nei giorni dei funerali delle vittime del sisma, con tutte le massime autorità abbiamo concordato di cancellare ogni forma di festeggiamento inaugurale ma di non fermare la mostra: e tutte le persone coinvolte, dalle celebrities agli addetti ai lavori, hanno apprezzato la scelta
di un profilo più austero per l’apertura del festival date le circostanze”.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy