Star si presenta

Disney+ svela il piano di produzioni originali italiane ed europee: dalla nuova, attesa stagione di Boris a The Good Mothers, fino alla serie di Ozpetek tratta da Le fate ignoranti
Star si presenta

Da Boris a Le Fate Ignoranti e The Good Mothers sono tante le produzioni originali italiane che Disney Plus mette in campo. Un annuncio che è stato fatto nell’ambito della presentazione di Star, il nuovo brand d’intrattenimento che dal 23 febbraio andrà a integrarsi con il servizio streaming Disney+.

“Disney è un universo ampio fatto di storie, esperienze ed emozioni che ci impegniamo a trasmettere da oltre cento anni. La nostra forza sta nel potere delle storie che raccontiamo”, dichiara Daniel Frigo, Country Manager per l’Italia di Disney.

 

A quasi un anno dal lancio la piattaforma ha raggiunto ben 94,9 milioni di abbonati a livello mondiale e ora si prepara a rafforzare ancora di più questo traguardo con l’ambizioso progetto di ordinare 50 produzioni in Europa entro il 2024. Tante sono infatti le nuove produzioni europee in cantiere: da un thriller dedicato alla ‘ndrangheta con un cast al femminile, a un incredibile supernatural mistery, da potenti storie vere a un romantic drama.

L’arrivo di Star nasce dal forte interesse del pubblico adulto già abbonato di avere su Disney+ ancora più contenuti dedicati. Completamente integrato all’interno di Disney+, Star debutterà come sesto brand, accanto a Disney, Pixar, Marvel, Star Wars e National Geographic.

Annunciata dunque la quarta stagione della serie cult Boris. Prodotta da Lorenzo Mieli per The Apartment, società del gruppo Fremantle, la serie sarà dedicata al compianto Mattia Torre, uno dei tre sceneggiatori. Dopo tre stagioni e un film, si tornerà ancora una volta il dietro le quinte del mondo del cinema e della televisione italiani. Ambientata originariamente nei backstage di una serie italiana low budget, intitolata “Gli occhi del cuore”, la quarta stagione racconterà il ritorno della storica troupe su un set. Nel frattempo però il mondo è cambiato e a dettare legge questa volta saranno i social, gli influencer e le varie piattaforme streaming.

In programma anche la serie de Le fate ignoranti. Otto episodi diretti da Ferzan Özpetek e tratti dall’omonimo film campione d’incassi. La storia racconta di Antonia, una donna che scopre che suo marito aveva una relazione omosessuale.

“Vent’anni fa uno avrebbe sgranato gli occhi dopo una storia di tradimento, per di più omosessuale- dice il regista turco-italiano-. Adesso no, la sessualità fa meno scandalo. Questa storia racconta un trauma diverso”.

Infine ci sarà The Good Mothers. Una serie unica all’interno del genere crime: qui, infatti, la ‘ndrangheta è vista interamente dal punto di vista delle donne. Una produzione originale Star per Disney+, la serie è prodotta da Juliette Howell e Tessa Ross per House Productions (Brexit: The Uncivil War) e Mario Gianani e Lorenzo Gangarossa per Wildside, scritta dal vincitore del BAFTA Stephen Butchard  e basata sull’avvincente libro del giornalista premiato dalla Foreign Press Association, Alex Perry.

Per quanto riguarda le produzioni europee i titoli di quelle francesi sono: Oussekine di Antoine Chevrollier, ambiziosa miniserie Star Original in quattro parti basata su fatti realmente accaduti, esamina i terribili eventi che, il 5 dicembre 1986, portarono alla morte del giovane studente Malik Oussekine; la serie fantasy Parallels, incentrata su quattro adolescenti; infine Weekend Family, serie sulla vita di una nuova famiglia allargata che si incontra ogni weekend e Sing or Die, serie documentario sulla storia dei Soprano e dei suoi amici, dai loro inizi a Marsiglia fino al loro attuale successo.

Due le serie Star Original confermate per la Germania: Sultan City, serie dark comedy tedesca, firmata dalle produttrici emergenti Ayla Gottschlich e Aysel Yilmaz e dallo sceneggiatore capo Ipek Zübert, e Sam – A Saxon, la serie drama ispirata a una storia vera, Sam – A Saxon che racconta la storia vera di Samuel Meffire, il primo ufficiale di polizia nero della Germania dell’Est. 

Infine per i Paesi Bassi ci sarà Feyenoord Rotterdam, coinvolgente documentario sportivo olandese in otto episodi. In questa serie prodotta da Lusus Media, l’amatissima squadra di calcio aprirà per la prima volta le sue porte per mostrarci cosa accade fuori dal campo.

Per garantire che Disney+ sia adatto a un pubblico di tutte le età, il servizio di streaming introdurrà dal prossimo 23 febbraio un sistema di parental control per offrire sempre un’esperienza di visione adatta a tutti i membri della famiglia.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy