Pordenone, zitti!

35esima edizione delle Giornate (1 - 8 ottobre), il regista Krzysztof Zanussi testimonial per la retrospettiva sul cinema polacco
Pordenone, zitti!

Il nuovo direttore delle Giornate del Cinema Muto, Jay Weissberg, presentando il programma del festival (Pordenone, 1-8 ottobre 2016) ha voluto sottolineare il prestigio internazionale della manifestazione. “Qualche giorno fa il New York Times – ha detto – ha citato accanto ai modelli di Sundance e Cannes quello di Pordenone come manifestazione esemplare per avere una precisa identità “di nicchia””.

Weissberg ha anche precisato che, nelle intenzioni dell’autrice dell’articolo, la definizione era elogiativa ma a lui il concetto di nicchia sta stretto. Nell’assumere questo incarico, infatti, si è proposto innanzitutto lo scopo di appassionare al cinema muto un pubblico sempre più ampio, convinto che molti film di ieri parlino ed emozionino più di tanto cinema contemporaneo.

Sarà infatti un meraviglioso piacere vedere su grande schermo la bellezza immortale di Greta Garbo (The Mysterious Lady di Fred Niblo è il film inaugurale) e il fantastico oriente del Ladro di Bagdad (spettacolo finale interpretato da Douglas Fairbanks, a cui è dedicato anche il manifesto delle Giornate). Per entrambe le proiezioni c’è l’accompagnamento musicale dell’Orchestra San Marco di Pordenone, diretta rispettivamente da Carl Davis – un graditissimo ritorno alle Giornate – e da Mark Fitz-Gerald che ha compiuto un importante lavoro di recupero della partitura originale del 1924 di Mortimer Wilson per Il ladro di Bagdad. Il film conclude anche la rassegna dedicata allo scenografo William Cameron Menzies, il primo vincitore dell’Oscar per la categoria.

Nel programma un’importante rassegna sul cinema muto polacco di cui è sopravvissuta una piccola parte dopo la distruzione degli archivi nella seconda guerra mondiale. Testimonial d’eccezione dell’evento sarà il regista Krzysztof Zanussi, la cui famiglia peraltro è originaria proprio del Friuli.

Fra le tante proposte è particolarmente curiosa e tempestiva per il suo legame con l’attualità la rassegna dedicata alle elezioni presidenziali americane tra il 1896 e il 1924, i cui protagonisti sono i presidenti William Mckinley, Theodore Roosevelt, Warren Harding e Calvin Coolidge.

E sempre in riferimento alle drammatiche cronache dei nostri giorni, risultano quanto mai interessanti le immagini della Libia durante la guerra italo-turca del 1911 inserite nel film L’onore riconquistato proveniente dall’archivio nazionale danese, che quest’anno festeggia i 75 anni dalla nascita.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy