Novità in sala

Kung Fu Panda è al cinema, con il Risorto. Arriva anche il candidato all'Oscar Brooklyn e l'inchiesta giornalistica di Redford e Blanchett su Bush Jr. (Truth)
Novità in sala

KUNG FU PANDA 3
20TH CENTURY FOX – 800 SALE
Uno dei film di animazione più di successo del 2016 ritorna con la più grande avventura comica di tutti i tempi.
Il padre scomparso di Po riappare improvvisamente e il duo ora riunito comincia a viaggiare in un panda-paradiso segreto per incontrare nuovi personaggi eccezionali. Ma quando il cattivissimo Kai comincia ad aggirarsi per la Cina sconfiggendo tutti i maestri del kung fu, Po sa che deve fare l’impossibile: imparare ad addestrare un villaggio di goffi compagni per diventare i nuovi maestri del kung fu!

RISORTO
WARNER – 200 SALE
L’epica storia della Resurrezione e delle settimane che la seguirono, attraverso gli occhi dell’incredulo Clavius (Fiennes), un tribuno militare di alto rango. Clavio e il suo aiutante Lucius (Felton) vengono istruiti da Ponzio Pilato per assicurarsi che i seguaci radicali di Gesù non rubino il suo corpo e in seguito dichiarino la sua risurrezione. Quando il corpo scompare nei giorni successivi, Clavius parte in missione alla ricerca del corpo perduto, per smentire le voci del Messia risorto ed evitare una rivolta a Gerusalemme.

TRUTH – IL PREZZO DELLA VERITA’
LUCKY RED – 190 SALE
La mattina del 9 settembre 2004 la produttrice della CBS News Mary Mapes (Cate Blanchett) aveva tutte le ragioni per essere orgogliosa del suo servizio giornalistico. Ma alla fine di quella giornata, lei, la CBS News, e il famoso conduttore di 60 Minutes, Dan Rather (Robert Redford), furono messi a dura prova.
La sera precedente la trasmissione aveva mandato in onda un reportage investigativo nel quale venivano rivelate delle prove secondo cui il Presidente George W. Bush aveva trascurato il suo dovere nel periodo in cui prestava servizio come pilota nella Guardia Nazionale dell’Aeronautica del Texas, dal 1968 al 1974.
Ma a pochi giorni dallo scandalo, i registri del servizio militare di Bush smisero di essere al centro dell’attenzione dei media e del pubblico, e da quel momento in poi, furono 60 Minutes, la Mapes e Rather a passare sotto alla lente di ingrandimento.

BROOKLYN
20TH CENTURY FOX – 170 SALE
Brooklyn è la storia di una giovane donna irlandese che incapace di trovare lavoro si dirige a New York dove trova lavoro in un grande magazzino e si innamora di un ragazzo italiano che poi sposa segretamente. Torna in Irlanda per il funerale della sorella e così alla sua vita di prima. Ora deve decidere a quale vita appartiene.

FRANKEINSTEIN
BARTER – 80 SALE
Dopo essere stato creato artificialmente e in seguito abbandonato perché dato per morto da una coppia di scienziati eccentrici, un mostro deve fare i conti con la natura orribile dell’umanità in questa audace rivisitazione contemporanea, ambientata nella Los Angeles di oggi, del classico di Mary Shelley, “Frankenstein”.

LA CORTE
ACADEMY TWO – 60 SALE
Michel Racine è il temuto Presidente di una corte di assise. É molto severo con se stesso e con gli altri. É soprannominato il « giudice a due cifre», perchè le sue condanne non sono mai inferiori a dieci anni. Ma ogni cosa viene sconvolta dalla comparsa di una donna, Ditte Lorensen – Coteret. Fa parte della giuria in un processo per omicidio. Sei anni prima, Racine si era innamorato di lei. Quasi in segreto. É lei l’unica donna che abbia mai amato.

THE LESSON: SCUOLA DI VITA
I WONDER – 10 SALE
In una piccola cittadina bulgara, Nadia, insegnante d’inglese, cerca di imbarazzare uno dei suoi alunni che sospetta di aver rubato, ricordando alla classe i principi morali della vita in società. Allo stesso tempo, pesanti difficoltà finanziarie minacciano la sua famiglia. Determinata a rimanere a galla, tenta con tutti i mezzi di racimolare i soldi necessari prima che sia troppo tardi. Fin dove si spingerà per salvare la sua famiglia?

LE MILLE E UNA NOTTE – ARABIAN NIGHTS
MILANO FILM NETWORK
Presentato in anteprima alla Quinzaine des Réalisateurs dell’ultimo Festival di Cannes, Le mille e una notte – Arabian Nights è diventato da subito un “caso”, salutato come uno degli eventi cinematografici della stagione: un inno alla fantasia che mescola realtà e immaginazione, paura e desiderio, umorismo e denuncia, erotismo e poesia, un’autentica “opera mondo” – com’è stata più volte definita dalla stampa internazionale – composta da tre film (Inquieto; Desolato; Incantato) e ambientata nel Portogallo in crisi di oggi. Qui un regista intende inventare delle storie, ispirate alla penosa realtà in cui vive: non riuscendo però a trovare un significato nel proprio lavoro, fugge, da vigliacco, lasciando al suo posto la bella Sherazade. Alla ragazza occorrono entusiasmo e coraggio per non annoiare il re con le tristi storie del Paese. Con il passare delle notti, l’inquietudine cede il passo alla desolazione, che lo cede all’incanto. Perciò Sherazade organizza le storie che racconta al re in tre volumi. Inizia così: “Ho saputo, re fortunato, che in un triste Paese tra i Paesi…”.

BIANCO DI BABBUDOIU
LUCKY RED – 55 SALE
I fratelli Michele e Roberto Mannu e il cognato Stefano Fais gestiscono le “Tenute Babbudoiu”, un’azienda vinicola fondata nel 1948 nel comune di Sassari. I soci vivono in controtendenza la crisi economica organizzando convention faraoniche forti del successo dei loro vini. Tutto questo è destinato a finire.
I tre soci scoprono, infatti, che la società ha accumulato 500.000 euro di debiti e hanno solo quindici giorni per trovare il denaro necessario.
E non sarà facile: tenteranno qualsiasi cosa per racimolare la cifra, in un’escalation di disperazione, comicità, equivoci ed episodi rocamboleschi che non porteranno ad alcuna soluzione. Ma quando tutto sembrerà perduto e i rapporti familiari ormai alla deriva, ecco che si presenta davanti ai loro occhi la soluzione: un bicchiere di Bianco di Babbudoiu.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy