Movida ad Alice nella Città

Venerdì 23 ottobre alla Festa di Roma il film documentario di Alessandro Padovani: "Racconto lo spopolamento della provincia italiana, ma attraverso lo sguardo dei ragazzi che la abitano"
Movida ad Alice nella Città
Movida

Sarà presentato venerdì 23 ottobre alla Festa del Cinema di Roma, sezione Alice nella Città, Movida di Alessandro Padovani, film documentario prodotto da MIUR e MIBACT, LABCinema Dal Piaz, in collaborazione con Haapar, nell’ambito del piano Cinema Per La Scuola.

Dei bambini giocano alla guerra tra le case abbandonate di un paese di montagna. Gli adolescenti Tommaso e Riccardo costruiscono un triciclo a motore, passando l’estate con altri ragazzi tra parcheggi e capannoni abbandonati. Lorenzo ha la stessa età ed è il figlio di un pastore transumante, però non vorrebbe continuare il mestiere del padre, ma passare una estate come i suoi coetanei. Il bellunese è una delle tante province italiane che si sta spopolando. Movida lo racconta attraverso lo sguardo di bambini e ragazzi che lo abitano.

Nonostante il titolo che oggi ha assunto un termine negativo, Movida ragiona invece sulla vita in alcuni luoghi che stanno morendo, simbolo di tante province d’Italia. Il film ha vinto il premio Miglior Documentario al SalinaDocFest, e La Festa del Cinema è il secondo festival a cui viene presentato.

Movida – si legge nelle note di regia – è un moto a luogo, un percorso, una ricerca della vita. Movida è la condanna al movimento, come quella a cui è costretta Grazia, un albero trasformato in essere umano e costretto a muoversi in un mondo deserto, o dei ragazzi che cercando di capire dove sarà il loro futuro. Documentario di osservazione, filmati d’archivio e poesia si intrecciano nel racconto dello spopolamento della provincia italiana, ma attraverso lo sguardo dei ragazzi che la abitano”.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy