Macao meravigliao

Da Dark Waters di Todd Haynes a Blow-Up di Antonioni, si arricchisce il programam del festival asiatico (IFFAM), in programma dal 5 al 10 dicembre
Macao meravigliao

International Film Festival & Awards Macao (IFFAM) ha aggiunto una serie di titoli cinematografici per la sua quarta edizione che si terrà dal 5 al 10 dicembre a Macao, in Cina. Questi nuovi film completano il programma del festival che inizia con una cerimonia di apertura costellata da stelle, seguita da una proiezione di gala di JoJo Rabbit di Taika Waititi al Macao Cultural Center il 5 dicembre.

I nuovi titoli includono I Livin It, che sarà il film di chiusura del festival il 10 dicembre. Debutto alla regia del veterano AD Wong Hing-Fan, il commovente dramma di Hong Kong vede protagonista l’icona asiatica Aaron Kwok quale ex carcerato che bivacca senza fissa dimora in un fast food e guida una comunità di poveri e diseredati. Kwok è stato il talent ambassador di IFFAM nel 2018 ed è affiancato nel film dall’omologo di IFFAM nel 2017 Miriam Yeung.

I nuovi film di due dei più grandi registi del mondo verranno proiettati come presentazioni speciali.

Da Todd Haynes, il geniale regista di Carol e Far From Heaven, arriva Dark Waters, il potente resoconto di come un avvocato abbia affrontato il gigante chimico DuPont dopo aver scoperto perdite tossiche in una piccola città della Virginia occidentale. Mark Ruffalo e Anne Hathaway sono i protagonisti del film.

E dal leggendario Terrence Malick arriva A Hidden Life, l’epica storia del giovane austriaco e devoto cattolico Franz Jagerstatter che si rifiutò di combattere per i nazisti nella seconda guerra mondiale. Il film è stato presentato in prima mondiale in concorso a Cannes e IFFAM presenterà la sua prima asiatica. August Diehl, Valerie Pachner, Matthias Schoenearts e lo scomparso Bruno Ganz nel cast.

Uno dei migliori film portoghesi dell’anno A Herdade (The Domain) sarà una presentazione speciale. L’acclamato film di Tiago Guedes è stato presentato in anteprima mondiale in concorso a Venezia a settembre di quest’anno. Un’altra epica cronaca del 20 ° secolo, The Domain vede come protagonista il proprietario terriero Albano Jerónimo coinvolto nei tumulti politici degli anni ’70.

Confermata anche come una presentazione speciale dello Shanghai International Film Festival (SIFF) è la copia recentemente restaurata del classico Flowers Of Shanghai del 1998 diretto da Hou Hsiao-hsien. Il film, magnificamente girato e magnificamente diretto, è ambientato nelle “case dei fiori” della Shanghai del 19° secolo, dove diverse giovani cortigiane si contendono le attenzioni e le proposte dei clienti maschili.

E ad unirsi al programma New Chinese Cinema dei migliori film in lingua cinese dell’anno è il film di Sun Aoqian Over The Sea, la commovente storia di un giovane ragazzo abbandonato.

L’autore romeno vincitore della Palma d’Oro Cristian Mungiu è alla guida della giuria del Nuovo cinema cinese che assegnerà film in cinque categorie.

Nella sezione Director’s Choice di IFFAM, in cui i registi selezionano e presentano i loro film classici preferiti, il festival ha aggiunto Blow-Up, il film senza tempo del 1966 di Michelangelo Antonioni, scelto da uno dei più grandi registi cinesi Wang Xiaoshuai. Il regista Wang presenterà il film a Macao il 9 dicembre.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy