La prima volta di Mastandrea

"Si gioca come si vive", dice Valerio. Che esordisce alla regia con Ride, in Concorso al 36° TFF e dal 29 novembre in sala
La prima volta di Mastandrea

“Si gioca come si vive”, disse Nicolas Burdisso, ex-difensore della Roma che il tifosissimo giallorosso Valerio Mastandrea cita spesso. E lo ha citato anche oggi presentando al Torino Film Festival il suo primo lungometraggio da regista (e unico nostrano in concorso, dal 29 novembre su 110 schermi con 01 Distribution) ossia Ride, storia della vedova di un operaio morto sul lavoro che dove fronteggiare chi la circonda – dalla famiglia ai mass media – e la propria difficoltà a piangere di quella morte.

“Mi rispecchio in quella frase del calciatore: molti film raccontano molto dei loro autori. Qui c’è il mio tono, le mie contraddizioni. È un mestiere con cui entri in grande contatto con te stesso e con il mondo che ti circonda” dice Mastandrea che ci tiene a fare film come si vive, a raccontare ciò che lo tocca nel profondo: “Il punto di partenza è il racconto di come nel nostro mondo sia difficile entrare in contatto con le emozioni, sia la gioia sia il dolore, con la spontaneità dell’emozione. Siamo bestie che ci differenziamo proprio attraverso le emozioni”. E il film indaga le “colpe” e i condizionamenti sociali rispetto alla libertà di vivere il dolore nel modo che si ritiene più opportuno, anche attraverso una risata, paradossalmente.

Sottofondo scorre il tema delle morti bianche e degli incidenti sul lavoro, caro a Mastandrea fin dal suo primo corto scritto con Daniele Vicari, Trevirgolaottantasette: ” La morte sula lavoro è qualcosa a cui ci siamo abituati, è il simbolo dell’ipocrisia di una società che la piange ma non la ferma. ‘Si muore in guerra non al lavoro’, si dice a un certo punto, ed è questo che impedisce ai personaggi di vivere il dolore. La situazione esterna rende la morte ancora più assurda”.

E secondo il regista, dai tempi del suo corto, non è cambiato molto per quanto riguarda l’attenzione al tema, se non nel modo sempre peggiore con cui i media lo rappresentano: “I giornali sono in buona fede, lo so, ma le modalità del dato di fatto mi fanno arrabbiare. Il primo maggio è una festa ormai, ma il lavoro ora si reclama non si festeggia, e anche il film esprime il mio modo di pensare questo tema: all’origine doveva essere un film molto più divertente di come poi mi è venuto di fare”.

 

Prodotto dalla Kimera Film con cui Mastandrea aveva realizzato Non essere cattivo di Caligari (“Lì ho capito cosa era fare davvero cinema e non potevo non coinvolgerli in questo film”), Ride è ispirato da tutto il lavoro che l’attore ha fatto nei 25 anni davanti alla macchina da presa, pescando da quasi tutte le sue esperienze passate, anche quelle che definisce meno gradevoli.

E a cui ha aggiunto la difficoltà di lavorare con la compagna, Chiara Martegiani: “A parte la difficoltà iniziale di farle la proposta e di condividere questa intimità così forte con lei anche sul set, sul lavoro abbiamo cercato di separare le carriere, a parte qualche litigio in cui sembravamo nel salotto di casa. La cosa difficile è stare già insieme a lei da prima della lavorazione, perché so’ boni tutti a innamorasse dell’attrice durante le riprese”. Appunto, giocare – e filmare – come si vive e con chi si vive.

Lascia una recensione

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy