Korea, si fa

18/ma edizione del festival dedicato alla cinematografia sud-coreana: dal 23 al 30 settembre a Firenze e online, scopri
Korea, si fa

L’omaggio all’attore Cho Jin-woong, star del cinema coreano, sarà l’evento centrale della 18/ma edizione del Florence Korea Film Fest, il festival dedicato al meglio della cinematografia sud-coreana contemporanea, in programma dal 23 al 30 settembre a Firenze. Il festival si terrà in forma ibrida, sia dal vivo al cinema La Compagnia di Firenze, sia nella sala virtuale Più Compagnia con proiezioni e incontri.

 

Il viaggio del festival racconterà, come da 18 anni a questa parte, la società coreana nelle sue trasformazioni tracciando la contemporaneità con curiosità e analizzando le contraddizioni e i successi di una cinematografia sempre di più nuova e d’attrazione soprattutto quest’anno che torna prepotentemente sul mercato internazionale con la vittoria del premio Oscar Bong Joon-oh e il suo Parasite (il regista fu ospite del festival nel 2011). Il film premio Oscar sarà proiettato al festival e il regista è stato invitato a collegarsi per un video messaggio e un saluto agli spettatori.

Ad inaugurare il festival sarà la prima europea di “Black money” una storia di criminalità finanziaria, che segna il ritorno del regista Chung Ji-young e a chiudere la prima italiana di “Bring me home”, esordio cinematografico di Kim Seung-woo con interprete Lee Young-ae, l’attrice famosa in tutto il mondo per la sua interpretazione in “Lady Vendetta” che torna al cinema dopo 14 anni, nei panni di una madre sconvolta in cerca del figlio rapito. Tra le novità il focus K-History, 4 pellicole che, attraverso diversi generi, esplorano il passato della società coreana attraverso lavori a sfondo storico che descrivono principalmente la nazione durante il periodo di occupazione giapponese.

Cuore del festival l’omaggio a Cho Jin-woong, attore famoso in patria con venti anni di carriera e 50 interpretazioni tra cinema e tv, dividendo il suo impegno tra piccolo e grande schermo e ricoprendo spesso ruoli da “cattivo”. E il primo omaggio in Italia con una selezione di 5 titoli dedicata al suo percorso artistico: dal thriller apprezzato dalla critica e dal pubblico “A hard day” di Kim Seong-hun (2014) al dramma carcerario tratto da una storia vera “Man of will” di Lee Won-tae (2017) passando per l’action poliziesco sul mondo della droga “Believer” di Lee Hae-Young (2018)al corale “Intimate Strangers”, remake sud coreano del campione di incassi nostrano “Perfetti Sconosciuti” di Paolo Genovese (2018) fino alla più recente commedia “Man of man” del regista Yong-Soo in cui le strade di un avvocato in fin di vita e un gangstar che vuole redimersi si incontrano (2019)

 

In programma anche l’attualità con le consuete sezioni: Orizzonti Coreani, dedicata al cinema contemporaneo e ai grandi nomi del cinema coreano, con titoli campioni d’incassi in patria e premiati nei festival di tutto il mondo; Independent Korea, che ospita lavori di giovani e talentuosi registi esterni alla grande distribuzione. Tra le sezioni anche Corto, Corti, lo spazio dedicato ai cortometraggi presentati nei maggiori festival di cortometraggi in Corea, che sarà arricchita da storie sulla Corea del Nord diretti da registi della Corea del Sud. Da segnalare K-Documentary, la sezione del festival che ospiterà alcuni documentari che affronteranno il tema della natura e la scoperta della Corea del Nord.

La 18/ma edizione del Florence Korea Film Fest è organizzata dall’Associazione Culturale Taegukgi – Toscana Korea Association, diretta e ideata da Riccardo Gelli (Console onorario della Repubblica di Corea in Toscana).

“Sarà un festival diffuso – ha spiegato Gelli – tra incontri virtuali on-line streaming e appuntamenti in sala sempre in attesa delle nuove disposizioni e normative sulla sicurezza. È una sfida nuova per il cinema e la sua fruizione e la prendiamo come occasione di sfida verso nuovi mercati e possibilità di godersi un festival in modo diverso nella speranza di tornare alla normalità”.

Il festival è organizzato grazie al contributo di Regione Toscana, Ambasciata della Repubblica di Corea in Italia, Consolato Onorario della Repubblica di Corea in Toscana, Istituto Culturale Coreano di Roma, Comune di Firenze, Quartiere 1, Città Metropolitana di Firenze, Fondazione Sistema Toscana, MAD-Murate Art District, , Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy