Il Selfie nel Rione Traiano di Napoli

Dal 30 maggio in sala il film di Ferrente: “I ragazzi vedono la vita alle loro spalle ma non ciò che hanno davanti”
Il Selfie nel Rione Traiano di Napoli

“Quando si è presentata l’occasione di raccontare questa storia, abbiamo pensato di fare qualcosa di diverso. Non inquadrare tutto ciò che vediamo, ma gli occhi di chi guarda” continua l’autore e regista di Selfie, in sala dal 30 maggio, e conclude: “Invece della Luna, abbiamo inquadrato il dito.”

Agostino Ferrente presenta il documentario insieme al co-produttore Gianfilippo Pedote e ai protagonisti, Alessandro Antonelli e Pietro Orlando, ragazzi del Rione Traiano di Napoli. Insieme, i due ci raccontano la storia della vita di un quartiere e dei tragici eventi riguardanti la morte di Davide Bifolco, nel 2014, il tutto con lo sguardo fisso in camera.

“Ho provato ad annullare la mediazione tra regista e protagonista” argomenta Ferrente. “Approfittando della dimestichezza dei ragazzi con il cellulare, li ho fatti guardare allo specchio. Si osservano mentre recitano se stessi, che è molto difficile. Loro ci mettono la faccia, si sono messi a nudo, neanche troppo metaforicamente”.

Cosa dicono, quindi, Alessandro e Pietro della loro esperienza dietro (e davanti) alla macchina da presa? “La cosa bella del rione è l’umanità che ci trovi dentro” commenta il secondo, “La cosa brutta è l’abbandono di questa umanità. Non ci sono le istituzioni né attività sociali, niente che possa aiutare i ragazzi”.

Da parte sua, Alessandro aggiunge sul Rione Traiano, esempio e simbolo di molti quartieri e periferie di Napoli e ovunque: “Per conoscerlo, ci devi stare dentro. All’apparenza è brutto, malfamato, ma vieni accolto sempre come uno di famiglia. Le persone sono il vero valore. Abbiamo accolto anche Agostino (il regista, ndr), che i primi giorni veniva scambiato per poliziotto in borghese”.

Ricordiamo che il film è patrocinato da Amnesty International e ha debuttato alla 69° edizione della Berlinale, lo scorso febbraio. Ha poi partecipato a diversi festival e rassegne in tutto il mondo. “Non è un documentario tanto local” afferma, a proposito, il regista. “Chi ha visto Selfie ci ha scritto e confermato che lo stigma, il pregiudizio e il razzismo è universale. Non ci siamo inventati nulla. Per ragazzi in difficoltà che lasciano la scuola, in famiglie senza soldi né strumenti per recuperare, che non trovano lavoro, l’ammortizzatore sociale diventa la criminalità.”

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy